Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
Roberto Tobia farmacie

Farmacia

Polemica con il Movimento nazionale liberi farmacisti

Farmaci di fascia C nelle parafarmacie? Federfarma Palermo si schiera contro

Il presidente Roberto Tobia: «Secondo i dati dell'Aifa in quei punti vendita dal 2006 al 2013 si è verificato un aumento dei prezzi dei medicinali da banco del 9,6 per cento». Ma il Movimento nazionale liberi farmacisti non ci sta: «Analisi errata».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Sulla possibile vendita dei farmaci di fascia C nelle parafamarcie e nella grande distribuzione è ancora scontro. Federfarma Palermo, basandosi sui dati dell’Aifa, si schiera contro, sostenendo che “in quei punti vendita dal 2006 al 2013 si è verificato un aumento dei prezzi dei medicinali da banco del 9,6%”.

«I dati dell’Aifa menzionati da Federfarma Palermo sono falsi perché frutto di analisi errata», ribatte il “Movimento nazionale liberi farmacisti” (che associa i farmacisti delle parafarmacie), aggiungendo: «Quei dati prendono spunto da una colpevole dimenticanza, lo spostamento di numerosi farmaci ‘con obbligo di ricetta’ a ‘senza obbligo di ricetta’, che ha determinato statisticamente un aumento del costo medio dell’intero comparto dei farmaci d’automedicazione. Consigliamo a Federfarma Palermo di andarsi a leggere i report di ‘Altroconsumo’, decisamente più obiettivi di quelli di Aifa».

Ma Federfarma Palermo non ci sta e controreplica: «È necessario fare subito chiarezza su questa gravissima accusa – tuona il presidente Roberto Tobia (nella foto)- e, se il caso, che si esprima direttamente l’Aifa, a tutela dell’assoluta credibilità dell’istituzione, ma anche nell’interesse dei farmacisti tutti e dei cittadini. Abbiamo il diritto di sapere se, come dichiarato dal Mnlf, l’Aifa ha ‘taroccato’ i conti e li ha addirittura ‘strutturati’ per sostenere una tesi costruita ad arte. Questa ricostruzione ci sembra assurda e incredibile, ma è bene che qualcuno dica ufficialmente come stanno le cose».

«Ne va di mezzo la sopravvivenza del modello italiano di farmacia che dovrebbe essere difeso dall’intera categoria, identica per etica e qualità professionale, ma pur tenendo conto delle obiettive specificità delle farmacie territoriali, che non possono essere paragonate alle parafarmacie per via della differenza di regole, controlli e obblighi, a partire dai turni diurni e notturni».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati