Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
professioni sanitarie vaccinazioni

Dal palazzo

Coronavirus

Esclusi dall’elenco delle vaccinazioni, lettera di protesta del presidente dell’Ordine delle Professioni Sanitarie

Gandolfo Marco Macaluso, presidente dell'Ordine dei TSRM e PSTRP di Palermo scrive a Razza ad alla Faraoni: "inserire urgentemente anche i lavoratori delle strutture accreditate ed i liberi professionisti”.

Tempo di lettura: 3 minuti

Si accende la protesta dei professionisti sanitari, esclusi dal diritto di fare il vaccino anti covid-19. A farsi portavoce delle 19 professioni rappresentate è il presidente dell’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche della Riabilitazione e della Prevenzioni di Palermo Gandolfo Marco Macaluso “negli ultimi giorni abbiamo raccolto informazioni sullo stato delle vaccinazioni a Palermo e provincia, che appaiono contraddittorie e che rischiano di penalizzare gli operatori sanitari e socio-sanitari che sono impegnati in prima linea nel Servizio Sanitario” scrive il presidente dei TSRM e PSTRP Palermitani in una lettera indirizza all’assessore Ruggero Razza ed al direttore generale dell’ASP di Palermo Daniela Faraoni.

“Abbiamo riscontrato che l’ASP di Palermo ha attivato sul proprio sito un sistema di prenotazione che consente un accesso prioritario alla vaccinazione anti-covid, ma che permette solo ad alcune categorie professionali di prenotarsi. Nello specifico mancano sia professionisti sanitari che lavorano presso le strutture accreditate che i professionisti sanitari liberi professionisti” iscritti al nostro Ordine – continua Gandolfo Marco Macaluso – A tal proposito si rappresenta, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, che vi sono professionisti sanitari che operano a stretto contatto con cittadini con particolari bisogni di salute, come bambini con disabilità o ancora, professionisti sanitari dipendenti di strutture accreditate che svolgono prestazioni domiciliari, in case di riposo, comunità alloggio e che quindi entrano giornalmente in contatto con persone anziane e ad alto rischio. Professionisti che quindi a nostro avviso è indispensabile inserire tra le categorie con priorità.”

“Riteniamo imprescindibile che le Regione e L’ASP di Palermo forniscano indicazioni precise ed urgenti affinché tutti gli operatori sanitari e socio-sanitari rientrino tra i soggetti da sottoporre prioritariamente a vaccinazione, a prescindere dalla natura del datore di lavoro o dallo stato libero professionale. Ciò nell’interesse superiore di sanità pubblica che sovrasta tutte le altre possibili considerazioni e distinzioni, a partire da quelle esistenti tra i professionisti sanitari”.

Un richiamo, quello del presidente dell’Ordine delle professioni sanitarie di Palermo ad evitare differenziazioni tra i professionisti della salute, garantendo che questi ultimi possano svolgere il proprio servizio in sicurezza nell’interesse prioritario dei cittadini.

“Pertanto – conclude Macaluso – chiediamo che il portale di registrazione per la vaccinazione dell’ASP di Palermo venga implementato inserendo le seguenti categorie: – “Professionisti sanitari delle strutture accreditate”. – “Professionisti sanitari liberi professionisti”. Ribadisco la piena disponibilità, nell’avviare un percorso di programmazione degli accessi e della raccolta delle adesioni dei professionisti afferenti al nostro Ordine. Il contributo offerto dalle Professioni sanitarie al nostro territorio, durante questa terribile pandemia, merita un riconoscimento pieno e senza distinzioni”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati