Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
violenza aggressioni nursing up videosorveglianza

Dal palazzo

Sindacati sul piede di guerra

Escalation di violenza negli ospedali siciliani, l’Sos a Razza: «Urgono interventi immediati»

I sindacati sollecitano il neo assessore regionale alla Salute.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Altri due casi di aggressione all’interno degli ospedali siciliani. Si sono verificati a Palermo, nel pronto soccorso dell’ospedale Di Cristina e al Cervello di via Trabucco. Nel primo caso ad avere la peggio sono stati due infermieri, aggrediti dal padre di un piccolo paziente. Nel secondo caso, invece, un paziente, a causa dei tempi d’attesa considerati troppo lunghi, ha dato in escandescenza.

«Nulla di nuovo, purtroppo. Due episodi che si sommano a quelli, numerosi, che in questi anni la Fsi-Usae ha denunciato», si legge in un comunicato stampa del sindacato.

«Negli ultimi cinque anni, l’organizzazione sindacale Fsi-Usae Federazione sindacati autonomi indipendenti, aderente alla Confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, guidata dal segretario generale Adamo Bonazzi ha denunciato, soltanto nei vari presìdi ospedalieri siciliani, circa 63 aggressioni, di cui 12 nel 2015, 14 nel 2016 e 15 nel 2017», spiega il segretario territoriale e coordinatore nazionale Calogero Coniglio.

Lo fa basandosi sul testo del disegno di legge n. 2909 “Disposizioni per garantire la sicurezza, l’ordine pubblico e l’incolumità di cittadini ed operatori sanitari presso le strutture ospedaliere e i presidi ambulatoriali di guardia medica”, presentato su iniziativa del Senatore Antonio Scavone e di altri 16 senatori che hanno attenzionato il crescente aumento del fenomeno delle aggressioni a carico del personale sanitario negli ospedali su tutto il territorio nazionale

«Abbiamo denunciato più volte a Procure, Questure, Prefetture, Assessorato regionale della Salute e sindaci, la mancanza di sicurezza del personale sanitario nelle strutture sanitarie siciliane- continua Coniglio- Chiediamo adesso un intervento dell’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza al quale abbiamo inviato il nostro dossier e chiesto un incontro per discutere sulle disposizioni che mirano a garantire la sicurezza, l’ordine pubblico e l’incolumità di cittadini ed operatori sanitari presso le strutture ospedaliere. Un provvedimento diventato ormai necessario e che non può essere più rimandato».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati