Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Insanitas TV

Intervista a Toti Amato (presidente dell'Ordine di Palermo)

Esami prima gratis e ora a pagamento? I medici ribadiscono il «no»: «Quel decreto sia ritirato»

Intervista video di Insanitas a Toti Amato (presidente dell'Ordine di Palermo), che parla anche di altri temi: l'intramoenia, le aggressioni ai medici e il tetto al loro orario di lavoro.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. Quel decreto va subito ritirato, senza se e senza ma. In sintesi, è il pensiero di Toti Amato, presidente dell’Ordine provinciale dei medici di Palermo, che in un’intervista ad Insanitas (il video in alto a destra) ribadisce l’opposizione dei camici bianchi al decreto sull’appropriatezza delle prescrizioni varato dal governo nazionale, che prevede di aumentare il numero degli esami medici a pagamento.

Nei giorni scorsi dal Ministero della Salute con una circolare hanno annunciato la sospensione delle sanzioni economiche previste per i medici “rei” di prescrivere gratis esami che con le nuove regole sarebbero a pagamento, tuttavia questo non basta all’Ordine dei Medici che sollecita, appunto, il ritiro totale del decreto.

«Questo decreto mette al primo posto il risparmio economico, cioè i tagli. Il medico si assume le proprie responsabilità nelle prescrizioni, ma non deve curare il bilancio bensì le persone», sottolinea Amato, che nell’intervista parla pure di altri temi: l’intramoenia, le aggressioni ai medici e il tetto al loro orario di lavoro.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati