Endometriosi, Arnas Civico in prima linea nella diagnosi e cura

6 Novembre 2020

Ogni anno circa 1.000 donne provenienti anche dal resto d'Italia si rivolgono all'ambulatorio creato nel lontano 2003 dal responsabile Antonio Maiorana. Ecco il servizio video di Insanitas.

di Sonia Sabatino

PALERMO. Nasce nel lontano 2003 l’Ambulatorio “Diagnosi e Cura dell’Endometriosi” dell’Arnas Civico, grazie alla lungimiranza di Antonio Maiorana, dirigente medico di 1° livello e responsabile del suddetto centro di riferimento nazionale per l’endometriosi.

Tra l’iniziale scettiscismo generale, dettato dalla scarsa conoscenza della malattia, da ginecologo Maiorana comincia a vedere un filo conduttore tra i disagi cronici delle donne in età fertile e decide di avviare questo progetto.

È stato fondamentale per la nascita del registro regionale e nazionale dell’endometriosi e si è battuto con successo perché fosse legiferato un sostegno a favore delle donne affette da questa malattia ginecologica, che in Italia sono circa 3 milioni.

L’endometriosi è una patologia caratterizzata dalla presenza di mucosa endometriale (tessuto che normalmente si trova solo all’interno della cavità uterina) al di fuori dell’utero, per esempio sulle ovaie o su altre strutture pelviche e addominali.

L’intensità del dolore ed il perdurare dei sintomi possono causare una profonda debilitazione e l’infertilità, con un notevole impatto negativo sulla qualità di vita.

Antonio Maiorana

Attualmente l’ambulatorio dell’Arnas Civico vede l’accesso di circa 1.000 donne all’anno, provenienti da tutto il territorio nazionale. Questo risultato è stato realizzato anche grazie all’approccio multidisciplinare adottato che vede cooperare ad esempio il ginecologo, lo psicologo, l’infermiere specializzato ed altre figure utili in base alla gravità della patologia.

«Nella lotta all’endometriosi, come per molte malattie complesse, l’organizzazione, il gioco di squadra, l’utilizzo di alta tecnologia e l’avvio dei percorsi multidisciplinari sono fattori vincenti- dichiara Maiorana- Credo che il nostro sia un bel modello di gestione clinica, ma soprattutto di progettualità».

Clicca qui per visualizzare l’intervista video di Insanitas.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV