Dal palazzo

La polemica

Emodinamica, Cgil e Fp Cgil all’attacco: «Con l’apertura ad Enna quella di Caltanissetta sarà ridimensionata»

Il sindacato nisseno sostiene di non credere alle rassicurazioni dell'assessore regionale alla Salute e sottolinea: «Chieda un parere formale e tecnico alla Società Italiana di Cardiologia Interventistica regionale».

Tempo di lettura: 2 minuti

Cgil e Fp Cgil Caltanissetta all’attacco sul caso Emodinamica. Ieri l’assessore Ruggero Razza a margine della conferenza dei sindacti del Nisseno ha garantito che quella di Caltanissetta sarà potenziata e che «la presenza di una seconda struttura in prospettiva a Enna non può essere in alcun modo valutata come un deterioramento dell’offerta nissena».

Tuttavia, dal sindacato la pensano diversamente: «L’assessore Regionale alla Sanità, con il supporto di alcuni sindaci del territorio- forse perché anche poco adatti alla gestio della Res Publica- ha sancito l’ennesima disfatta per questo territorio», scrivono in una nota Rosanna Moncada (Segretaria Generale Cgil CL) e Angelo Polizzi (segretario FP CGIL CL), aggiungendo: «L’apertura di una emodinamica sul territorio Ennese, purtroppo è collegata a doppio filo con l’attività che si svolge nell’ASP di Caltanissetta. Quindi, si legge apertura, si traduce come ridimensionamento, nonostante le parole di rassicurazione dell’Assessore».

I due sindacalisti aggiungono: «Gli standard per aprire e mantenere un’emodinamica, come confermato dal documento di consenso della Società Italiana di Cardiologia Interventistica, sono connessi alla popolazione e al numero di procedure eseguite per singolo operatore (bacino d’utenza 300-600 mila abitanti; 150 procedure annue per operatore). Allora all’assessore, che ribadisce nel merito l’importanza dei pareri tecnico/scientifici chiediamo di acquisire un parere formale e tecnico alla Società Italiana di Cardiologia Interventistica regionale».

Inoltre Moncada e Polizzi sottolineano: «Stigmatizziamo l’intervento dell’assessore Razza che a domanda circostanziata e precisa rifiuta un confronto con la CGIL asserendo di dover rispondere solo ai sindaci e a chi (aggiungiamo noi) interviene a suo sostegno. Respingiamo ogni spinta campanilistica e riteniamo doveroso da parte di chi rappresenta la politica regionale di doversi confrontare con le forze sociali laddove soprattutto si discute di offerta sanitaria di alta specializzazione a vantaggio della popolazione dell’intero territorio».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche