Emicrania, terapia con anticorpi monoclonali all’Asp di Siracusa

26 Ottobre 2020

L’Unità operativa di Neurologia dell’ospedale Muscatello di Augusta è stata autorizzata dall’Assessorato regionale della Salute alla prescrizione dei farmaci specifici e selettivi.

 

di

L’Unità operativa di Neurologia dell’ospedale Muscatello di Augusta è stata autorizzata dall’Assessorato regionale della Salute alla prescrizione degli anticorpi monoclonali Erenumab, Galcanezumab e Fremanezumab, farmaci specifici e selettivi per la profilassi degli attacchi di emicrania.

“Ringrazio l’Assessorato regionale della Salute- dichiara il direttore generale dell’Asp di Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra– per avere inserito anche la nostra Azienda, e nello specifico il reparto di Neurologia dell’ospedale di Augusta, tra i Centri prescrittori siciliani per la cura dell’emicrania, consentendo all’Azienda di potenziare l’offerta sanitaria provinciale, apportando significativi vantaggi a molti pazienti, in atto trattati fuori regione, che potranno da oggi trovare la stessa offerta terapeutica nel proprio territorio».

In virtù di tale autorizzazione assessoriale, il servizio ambulatoriale dell’UOSD di Neurologia dell’ospedale megarese dedicato a tali pazienti incrementa l’offerta prestazionale con due giornate di accesso settimanali il lunedì e il martedì con prenotazione al CUP.

«A tal fine- dichiara il direttore sanitario Salvatore Madonia– abbiamo provveduto ad incrementare il personale sanitario specialistico del reparto che si occuperà prevalentemente di tale patologia, per potenziare il servizio già offerto alla luce di tali nuove offerte terapeutiche».

«Gli anticorpi monoclonali- spiega la responsabile dell’UOSD Neurologia Valeria Drago – vengono somministrati mensilmente per via sottocutanea e si utilizzano nella terapia di profilassi, per prevenire l’attacco acuto. Gli studi clinici hanno dimostrato una significativa efficacia nel ridurre ed in molti casi azzerare le crisi cefalalgiche, con un buon profilo di sicurezza e tollerabilità. Questi farmaci, per la prima volta, potrebbero modificare la storia naturale della malattia. L’OMS stima in oltre 90 milioni nel mondo, almeno 7 milioni nel nostro Paese, le persone affette da emicrania, e sebbene tale patologia risulti ad altissima prevalenza, rimane una malattia spesso misconosciuta e sotto trattata a dispetto di una grave disabilità e costi enormi».

Infine, Valeria Drago sottolinea: «Manca un diffuso accesso ai servizi specialistici che porta sovente all’autoprescrizione fino all’abuso ed alla cronicizzazione dell’emicrania da iper-uso di farmaci da banco, in particolare analgesici. L’emicrania è una cefalea idiopatica ricorrente che si manifesta per la localizzazione unilaterale del capo, il dolore pulsante, l’intensità elevata, il fastidio a luce e rumore, e la durata che va dalle 4 alle 72 ore con prevalenza nel sesso femminile, con un rapporto di 3 a 1 rispetto al sesso maschile».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV