Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
sangue emergenza

Dal palazzo

Da AnciSicilia ed Avis

Emergenza sangue, al via un appello ai sindaci siciliani per sensibilizzare alla donazione

L'iniziativa è frutto dell'accordo, sottoscritto lo scorso anno, da Anci Sicilia ed Avis.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. AnciSicilia ed Avis lanciano un appello ai sindaci finalizzato ad incentivare la cultura della donazione in tutti i comuni siciliani, soprattutto nel periodo estivo, quando l’emergenza sangue diventa insostenibile.

L’iniziativa è frutto dell’accordo, sottoscritto lo scorso anno, con il quale le due Associazioni si sono impegnate a favorire lo sviluppo di azioni volte alla crescita della cultura della donazione, in particolare tra i ragazzi, quale atto di partecipazione alla vita sociale ed educazione alla solidarietà.

«Donare il sangue significa condividere una parte di sé non solo a parole, ma con azioni concrete- dichiarano Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale di AnciSicilia- La solidarietà è, a nostro avviso, un elemento cardine del vivere civile, dell’essere cittadini».

«Chiediamo a tutti gli amministratori siciliani- continuano Orlando e Alvano- di adoperarsi in una proficua campagna di sensibilizzazione, utilizzando tutti gli strumenti di comunicazione e informazione, per incentivare la donazione di sangue, soprattutto in questo periodo dell’anno in cui, fisiologicamente, si registra una notevole battuta d’arresto».

«L’invito per tutti i donatori è di recarsi nelle sedi Avis di appartenenza poiché le scorte e la disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti sono già finite», dichiara Salvatore Mandarà, presidente di Avis Sicilia.

«Tutte le componenti del sangue sono necessarie per curare e aiutare pazienti con diverse necessità: negli interventi chirurgici e ortopedici, nella cura delle ustioni e delle emorragie, nei trapianti di organi e tessuti, nella cura di malattie gravi come tumori, leucemie, anemie croniche- continua Mandarà- Dal plasma si possono ottenere dei veri e propri farmaci per la cura dell’emofilia, le immunoglobuline (come quelle anti tetano) e l’albumina, usate in alcune patologie del fegato e dei reni».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati