Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
ruggero razza, infortuni sul lavoro morbillo farmaci oncologici violenza sessuale corruzione rete ospedaliera anestesisti commissari medicina generale cordoglio risparmio energetico contratti manager trauma center sclerosi multipla

Dal palazzo

Rischio epidemia

Emergenza morbillo, martedì 10 aprile si riunirà il tavolo tecnico convocato da Razza

Al vertice parteciperanno tutti i soggetti che, per i diversi aspetti specialistici, sono interessati alla materia.

Tempo di lettura: 1 minuto

Si riunirà martedì 10 aprile a Palermo il tavolo tecnico convocato dall’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, per discutere dei casi di morbillo in Sicilia. Al vertice parteciperanno tutti i soggetti che, per i diversi aspetti specialistici, sono interessati alla materia. Oltre ai responsabili del servizio di prevenzione delle nove Asp, vi prendono parte – tra gli altri – il dirigente generale per le Attività sanitarie, il dirigente del Servizio epidemiologia, il dirigente del Servizio emergenza ed urgenza ed il referente per il Biocontenimento e la Sicurezza sanitaria regionale. La riunione si terra’ alle 15.30 presso la sede dell’Assessorato regionale alla Salute.

Dall’inizio del 2018, la Sicilia è la regione in cui sono stati riscontrati più casi di morbillo. Più dell’80% dei casi si sono concentrati in 4 Regioni: la Sicilia, il Lazio, la Calabri e la Toscana. In Sicilia l’incidenza è più alta con 218 casi su un totale nazionale di 411. Il presidente dell’Istituto superiore di Sanità (Iss), Walter Ricciardi, ha parlato sull’ANSA di un vero e proprio “Caso Sicilia”,anche se il rischio si estende a tutta la Penisola.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati