Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
Psicologi

Dal palazzo

Ordine degli Psicologi

Emergenza Covid-19, in arrivo 300 psicologi negli ospedali siciliani

“L’emergenza psicologica - spiega Gaetana D’Agostino, presidente dell’Ordine degli psicologi - non si concluderà necessariamente con quella sanitaria"

Tempo di lettura: 2 minuti

Il picco della seconda ondata di contagi nell’Isola sembra essere ormai alle spalle, ma il rischio è che gli strascichi della pandemia possano lasciare un segno profondo in ciascuno di noi. Nella lunga battaglia contro il Coronavirus scende in campo anche un gruppo che, a regime, sarà composto da circa 300 psicologi che presteranno servizio nelle Asp e nei presidi ospedalieri di tutta la Sicilia. I professionisti saranno destinati nei vari distretti con incarichi di supporto psicologico sia telefonico che dal vivo per i pazienti in regime di ricovero nonché per il personale sanitario coinvolto nell’emergenza.

L’iniziativa, finanziata con i fondi destinati all’emergenza Covid-19, è stata accolta con favore dalla Regione Siciliana e dall’assessorato alla Salute che ha stanziato le somme necessarie. In alcune province sono stati già sottoscritti i primi contratti ed effettuati gli incontri tra pazienti e psicologi. A Catania per esempio è stato previsto l’inserimento di circa 90 professionisti, 23 a Ragusa, 48 a Enna, 31 a Caltanissetta e oltre 60 a Messina. Sono invece in fase di definizione gli ultimi dettagli che consentiranno l’attivazione del servizio anche a Palermo e nelle altre province secondo modalità che verranno stabilite dalle singole aziende sanitarie su base territoriale.

“L’emergenza psicologica – spiega Gaetana D’Agostino, presidente dell’Ordine degli psicologi della Regione Siciliana – non si concluderà necessariamente con quella sanitaria e dunque mi auguro che gli interventi del governo regionale, considerato il grande lavoro di adeguamento effettuato dalle Asp per accogliere un elevato numero di professionisti, possano essere duraturi. Superati i fisiologici ritardi nell’attivazione del servizio, riteniamo sia importante cogliere appieno l’opportunità di fornire un supporto molto importante per l’intera popolazione durante e dopo la pandemia”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati