Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
idonei precari proroga posti letto assegni di cura razza cannabis vaccini scuola cartella sanitaria screening celiachia donatori sangue volontari pronto soccorso rete ospedaliera corruzione El Salvador registro tumori Medicina

Dal palazzo

All'Ars

Emergenza Coronavirus, bocciata la mozione di censura contro Razza

A presentarla erano state le opposizioni al governo Musumeci, denunciando una cattiva gestione della pandemia.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. L’Ars ha respinto a maggioranza la mozione di censura contro l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza. A presentarla erano state le opposizioni al governo Musumeci (Pd, M5S e Cento Passi), denunciando una cattiva gestione dell’emergenza Coronavirus in Sicilia.

Al momento del voto in aula e dopo un lungo dibattito, la coalizione di governo è stata pressochè compatta nel dare fiducia all’operato di Razza: contro la censura hanno votato 36 deputati, 25 i favorevoli.

Durante il suo intervento, l’assessore ha sottolineato che “in Sicilia tutti hanno avuto assistenza, nessuno è andato altrove per essere curato. Molto facile puntare l’indice su cui lavora. Il confronto è politico, io non mi sento un imputato. Il piano di rafforzamento delle terapie intensive è di maggio, porta la rete a 720 posti letto: questo parametro e la rete è stata approvata il 22 luglio dal ministero della Salute”.

Poi ha aggiunto: «Sul tracciamento ci sono difficoltà e non lo nascondo, come in altre Regioni. Devono essere affrontate e risolte, abbiamo agito aumentando i servizi nelle aree metropolitane, aumentando le Usca rispetto agli standard ministeriali. Poteva essere più forte il legame con i medici di medicina generale, certo. In Sicilia i pronto soccorso hanno avuto giorni duri, sono migliaia i sanitari che stanno facendo sforzi enormi, a loro va il mio riconoscimento. Non ho la presunzione di dire che non stati commessi errori e che non ne potremo compiere nell’immediato futuro. Ma che sia responsabilità del governo la classificazione della Regione lo smentiscono i dati».

Non è mancato pure un attimo di commozione per Razza: «Questa è l’esperienza più difficile che ho dovuto affrontare ed ho cercata di onorarla con gli insegnamenti di mio padre e sono gli stessi che spero di avere la forza di insegnare a mio figlio. A lui che forse un giorno leggerà questo verbale e studierà a scuola cosa è stato il coronavirus come io ho studiato cosa è stata la Spagnola, spero di poter dire che ho compiuto i miei doveri, con qualche errore ma sempre con scrupolo e onore».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati