Elisoccorso, 118 e numero unico di emergenza 112: ecco novità e prospettive in Sicilia

27 maggio 2018

Queste le tematiche affrontate nei tre giorni in cui si è articolato il VII Congresso “Elisoccorso sanitario – Tra prospettive e realtà” tenutosi a Palermo.

di Valentina Grasso

PALERMO. Passato, presente e futuro del 118 e dell’elisoccorso con focus specifico sulle nuove tecnologie e la centrale unica 112.  Queste le tematiche affrontate nei tre giorni in cui si è articolato il VII Congresso dal titolo “Elisoccorso sanitario – Tra prospettive e realtà” tenutosi a Palermo, a palazzo dei Normanni e all’NH Hotel, dal 24 al 26 maggio.

Un’occasione per approfondire le problematiche ma anche il futuro del servizio d’emergenza-urgenza e per celebrare il ventennale del 118 in Sicilia, che nel servizio su terra è cogestito dalla Seus.

«È un convegno che principalmente mira allo sviluppo del sistema elisoccorso, integrato nel 118. Rappresenta- spiega Giuseppe Misuraca, direttore della centrale operativa 118 di Caltanissetta, Agrigento ed Enna- la punta di diamante di un sistema che integra sia i mezzi di soccorso su gomma come le ambulanze sia la parte aeronautica con il servizio di elisoccorso».

Una rete ampia composta da “251 ambulanze distribuite su tutto il territorio regionale distinte come gradazione di equipaggiamento in: mezzo di soccorso di base con due autisti soccorritori, mezzo di soccorso intermedio con la presenza di infermiere a bordo e due autisti soccorritori e mezzo di soccorso avanzato con la presenza anche di personale medico esperto di emergenza-urgenza extraospedaliera. In più- sottolinea Misuraca- abbiamo la presenza di sei basi di elisoccorso che coprono non solo il territorio regionale ma, vista la peculiarità siciliana, anche le piccole isole come Lampedusa e Pantelleria».

Il 118 guarda al futuro cercando di garantire un servizio tempestivo e performante. Un obiettivo molto ravvicinato grazie al perfezionamento e all’utilizzo delle nuove tecnologie «sull’elisoccorso in generale, con la centrale unica 112 e con il nuovo sistema di digitalizzazione del 118”, spiega Fabio Genco, direttore della centrale operativa del 118 di Palermo e Trapani.

L’elisoccorso diventerà sempre più preciso e funzionale grazie «ai visori notturni che permetteranno l’atterraggio anche in assenza di piste certificate dall’ENAC con illuminazione. Questo permetterà la possibilità- aggiunge Genco- di intervenire nei soccorsi primari direttamente in strada o anche sul territorio primo di elibasi illuminate».

Il 118 si avvarrà di “tablet sulle ambulanze con sistemi di geolocalizzazione e questo determinerà una riduzione dei tempi di intervento e maggiori informazioni sul paziente e sul target che stiamo andando a soccorrere», conclude Genco.

La vera innovazione riguarda però lo sviluppo della centrale unica 112 cioè «un’assoluta novità per la Sicilia- sottolinea Alessandro D’Acquisto, funzionario direttivo “Emergenza Urgenza Sanitaria – Isole Minori ed aree disagiate” – servizio 6 dell’Assessorato Regionale della Salute- considerato che è la prima regione del Sud ad essere attiva con questo servizio, presente già da circa un anno nella zona Sicilia orientale. L’112 presenta delle salienti novità perché è un sistema di filtraggio con una centrale di risposta che gestisce tutte le chiamate che confluiscono da tutti i numeri dell’emergenza (118, 112, 113 e 115 ndr.)”.

Inoltre, all’interno dell’112, sarà attivata la traduzione multilingua attraverso la quale potranno essere gestite anche le chiamate provenienti da utenti non parlanti italiano: «Il call center metterà la comunicazione a tre soggetti- sottolina D’Acquisto- Il chiamante, l’operatore e il traduttore in simultaneo. Sarà anche possibile chiamare questo numero da muto attraverso l’app “Where are You”, attivata dal Ministero dell’Interno e scaricabile su sistemi IOS e Android, con quale si potrà essere geolocalizzati con assoluta precisione».

A Palermo la centrale unica 112 verrà attivata entro il 31 dicembre 2018 con i distretti fonici delle province di Agrigento, Palermo e Trapani.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Made with by DRTADV