Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
franco gargano Elezioni carenza professioni infermieristiche

Dal palazzo

Smentiti i presunti brogli

Elezioni Ipasvi di Palermo, il presidente Gargano: «Nessuna irregolarità»

Il riconfermato vertice degli infermieri smentisce i presunti brogli denunciati da una lista concorrente.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «Troppe polemiche non giovano al corretto, trasparente e tranquillo andamento del nostro Collegio». A dichiararlo è il presidente del Collegio Ipasvi di Palermo, Franco Gargano (nella foto @Insanitas), che nelle recenti elezioni provinciali è stato riconfermato alla guida dell’ente ottenendo il maggior numero in assoluto di voti.

La polemica nasce a causa di una denuncia da parte dei rappresentanti di una lista
concorrente rispetto a quella del presidente uscente in relazione a quindici schede elettorali che, ad una prima valutazione sembravano redatte da una medesima persona e che, a garanzia della legittimità delle operazioni elettorali, sono state annullate.

«La polemica che sta seguendo il fatto in questi giorni- spiega Gargano- non ha in realtà alcun fondamento nelle norme e nei regolamenti in base ai quali le elezioni sono del tutto valide. Le elezioni hanno avuto il loro regolare svolgimento e, raggiunto il quorum su cui comunque non avrebbero inciso i quindici voti annullati, si è proceduto alla proclamazione degli eletti. Tra questi fra l’altro, proprio a dimostrazione della massima  trasparenza adottata, risultano anche quattro componenti della seconda lista presentata, presupponendo quindi l’assenza di qualunque manovra eliminatoria».

«La norma stabilisce- prosegue Gargano- che sia responsabilità del presidente del seggio valutare il buon andamento e la trasparenza delle elezioni, che non sembra davvero inficiata da quindici schede immediatamente dichiarate nulle. E spetta al seggio, che ha svolto il suo compito in questo senso, determinare la nullità delle schede e procedere alla relativa verbalizzazione».

Anche sulla ipotesi di eventuali commissariamenti del Collegio, Gargano è tranquillo: «La Federazione per legge non è legittimata a procedere al controllo delle schede votate, a invalidare le elezioni, a bloccare lo scrutinio o a indire nuove elezioni. Tutto si è svolto, una volta proceduto ad annullare le quindici schede in contestazione, secondo le regole e le norme vigenti e nel rispetto del principio di trasparenza degli atti del procedimento, come testimoniano i verbali regolamenti trascritti. Del resto, se gli iscritti ritenessero di dover procedere ulteriormente, hanno a disposizione gli strumenti e le modalità previste dalla normativa vigente».

«Queste sono le regole e le norme- conclude Gargano- che nessuno ha ignorato né ha mai pensato di ignorare. È forse il caso ora che i toni calino e rientrino nell’alveo della correttezza e della normalità. Non solo la regolarità delle elezioni è ineccepibile, ma in questo modo si rischia di dare del Collegio e degli infermieri un’immagine ingiusta e meschina che non fa bene al lavoro che ci aspetta a tutela dei malati e dei loro primari bisogni».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati