tecnici audioprotesisti

Efficacia e adeguatezza dei dispositivi medico uditivi, il ruolo dei tecnici audioprotesisti

25 Gennaio 2021

Prosegue il viaggio di insanitas alla scoperta delle professioni sanitarie. L'intervista al presidente della commissione d'Albo dei tecnici audioprotesisti Antonio Brancato

 

di

Nuova tappa del viaggio di insanitas all’interno del mondo delle professioni sanitarie, grazie alla disponibilità dell’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche della Riabilitazione e della Prevenzione di Palermo presentiamo oggi una figura professionale della quale raramente si sente parlare ma che rappresenta un tassello indispensabile per accertare l’efficacia e l’adeguatezza del dispositivo medico uditivo che vengono utilizzati da una fetta di popolazione sempre più consistente, i tecnici audioprotesisti. “Siamo ormai ben oltre la metà del lavoro che ci siamo prefissati per far conoscere meglio l’articolato mondo delle professioni sanitarie – afferma il presidente dell’Ordine dei TSRM e PSTRP di Palermo Gandolfo Marco Macaluso – ringrazio tutti coloro i quali si sono già fatti parte attiva presentando, grazie all’attenzione riservata dalla vostra testata giornalistica, l’inteso e meritorio lavoro che stanno facendo le commissioni d’albo e quanti lo faranno nelle prossime settimane”. Per i tecnici audioprotesisti qui di seguito l’intervista al presidente della Commissione d’Albo dottor Antonio Brancato.

Qual è il compito di tecnici audioprotesisti all’interno del sistema sanitario nazionale?

L’Audioprotesista è un professionista dottore in Tecniche Audioprotesiche, abilitato all’esercizio della professione sanitaria  che è principalmente basata nell’accertare  l’efficacia e l’adeguatezza del dispositivo medico uditivo prescritto, ma selezionato e fornito da un collega esterno al S.S.N.

Qual è il percorso di studi per poter fare questo lavoro?

Per diventare audioprotesisti bisogna conseguire la laurea di primo livello, con possibilità di proseguire la propria formazione accademica sia presso il corso di Laurea Magistrale delle professioni sanitarie sia frequentando master di I e II livello di specializzazione.

In genere dove lavora un tecnico audioprotesista e quali sono le differenze con altre professioni come quella del tecnico audiometrista?

L’audioprotesista svolge la propria attività professionale in strutture sanitarie pubbliche (S.S.N.) o private, in regime di dipendenza e libero-professionale. Espleta l’esercizio della professione con atti professionali di propria competenza, in piena autonomia e propria responsabilità. Sceglie propone applica e adatta soluzioni uditive e riabilitative mediante l’indipendenza professionale, operativa, giuridica e intellettuale. Somministra al paziente ipoacusico questionari sulla percezione della disabilità uditiva. Attua test di audiometria protesica quantitativi e qualitativi. Osserva il condotto uditivo esterno e ne rileva l’impronta. Somministra ed accerta l’efficacia e l’adeguatezza del dispositivo medico uditivo, mediante prove di valutazione protesica. Espleta l’educazione protesica del paziente ipoacusico attraverso una mirata azione di counseling. Collabora con altre figure professionali medico sanitarie (Medico Specialista ORL, Audiologo, Tecnico Audiometrista, Psicologo, Logopedista) ed anche ai programmi di prevenzione e di riabilitazione dei deficit uditivi. Pertanto, il compito di un tecnico audioprotesista all’interno del S.S.N. oggi è principalmente basato ad accertare l’efficacia e l’adeguatezza del dispositivo medico uditivo prescritto, ma selezionato e fornito da un collega esterno al S.S.N. A differenza del tecnico audioprotesista il Tecnico Audiometrista è l’operatore sanitario che svolge attività di prevenzione, valutazione e riabilitazione delle patologie del sistema uditivo e vestibolare nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze diagnostico-terapeutiche del medico, pertanto è più legato a l’area diagnostica e non a quella assistenziale.

E’ cambiato qualcosa nell’ambito del vostro lavoro durante il periodo della pandemia?

Durante il periodo di pandemia l’audioprotesista si sta trovando ad affrontare varie criticità nell’espletare la propria professione. La principale è la difficoltà nel potere garantire la continuità dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), a causa del limitato accesso a strutture pubbliche e amministrative. Questo comporta spesso disagi notevoli a tutti i pazienti ipoacusici che, in presenza di problematiche legate al proprio dispositivo con la chiara necessità di interventi rapidi e risolutivi, non hanno trovato immediato riscontro, poiché non considerate dalle strutture sanitarie di riferimento come emergenziali . Tutto questo ha ovviamente amplificato in questi soggetti l’isolamento sociale, causando in alcuni casi l’accentuarsi o addirittura l’insorgenza di patologie come la depressione o problematiche legate al decadimento cognitivo per quanto attiene ai pazienti anziani, mentre per i pazienti in età pediatrica il rischio è spesso legato al percorso didattico/riabilitativo oltre che l’isolamento sociale. Un’altra criticità riguarda la difficoltà nel mantenere il distanziamento dal paziente, poiché il tecnico audioprotesista spesso si ritrova a dovere mantenere un contatto fisico/visivo diretto   con quest’ultimo per un tempo abbastanza lungo e l’utilizzo della mascherina spesso crea problemi nella comunicazione.

Quali sono gli obiettivi principali che state perseguendo come commissione d’albo?

Uno degli obiettivi che ci siamo prefissi come CdA in quanto Ordine Professionale e quindi organo di tutela e controllo è la lotta all’abusivismo professionale; altro obiettivo è l’incremento di una corretta informazione al fine   di delineare le attività professionali del tecnico audioprotesista e delle sue competenze spesso confuse e comparate a mere prestazioni commerciali ed ancora, nel  valorizzare  la professione del tecnico audioprotesista, nasce anche l’esigenza  di predisporre un tavolo tecnico atto ad attenzionare e promuovere il fabbisogno formativo degli operatori da formare.

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV