aneurisma aggressioni ospedale di Militello ictus mobilità operaratori socio sanitari

ASP e Ospedali

La solidarietà di Giammanco

Dottoressa violentata a Trecastagni, il dg dell’Asp di Catania: «Un atto ignobile»

La solidarietà di Giammanco: "Ci costituiremo parte civile".

Tempo di lettura: 1 minuto

TRECASTAGNI – «Atto ignobile, offensivo della dignità della persona, perpetrato ai danni di un medico, una collega, nell’atto di compiere il proprio dovere di aiutare i cittadini». Lo afferma il direttore generale dell’Asp di Catania, Giuseppe Giammanco (nella foto), in merito all’aggressione e alla violenza subita da una dottoressa di turno presso la Guardia medica di Trecastagni.

«Esprimiamo la nostra vicinanza e la nostra solidarietà alla collega e alla famiglia- continua Giammanco- Le assicuriamo, da ora e in tutte le sedi, il nostro sostegno e la nostra attenzione. Abbiamo già dato mandato al nostro legale per la costituzione di parte civile a tutela dell’Azienda e, soprattutto, dei lavoratori».

«Siamo sicuri che la risposta della Giustizia sarà rapida, severa ed esemplare- conclude il direttore generale dell’Azienda sanitaria catanese- Rivolgo un pensiero grato sia ai cittadini per il senso civico e il senso del dovere che hanno manifestato, sia ai carabinieri intervenuti».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.