ASP e Ospedali

I dettagli

Donna con acalasia esofagea: curata all’Umberto I di Enna

Adoperata la tecnica di miotomia secondo Heller. Il primario Centonze: «Patologia poco diffusa»

Tempo di lettura: 2 minuti

Eseguito per la prima volta dalla Chirurgia generale dell’Umberto I di Enna un intervento chirurgico per trattare l’acalasia esofagea, adoperando la tecnica di miotomia secondo Heller. La donna cinquantenne, soffriva da tempo di disturbi a carico dell’esofago quali disfagia, ovvero difficoltà nel deglutire e dolore toracico. Dopo un’attenta diagnosi a Milano l’intervento è stato effettuato a Enna con esito favorevole e la donna sta proseguendo in serenità la sua convalescenza.

«Questo intervento- ci tiene a precisare il primario Danilo Centonze– risulta raro non per complessità, anche se sono pochi i centri ad effettuarlo, quando per numeri. Infatti non vi è una casistica elevata di questa patologia (che nel tempo risulta invalidante) e dunque vi sono poche possibilità di trattare chirurgicamente».

L’intervento per l’acalasia ha l’obiettivo di rendere nuovamente possibile e facile il passaggio del cibo dall’esofago allo stomaco. Questa operazione infatti si si rende necessaria quando lo sfintere esofageo inferiore, che permette il passaggio del cibo allo stomaco, non viene rilasciato correttamente, creando un ostacolo.

L’intervento in laparoscopia è stato eseguito dallo stesso Danilo Centonze e dalla sua equipe: Serafino Di Gregorio, Paolo Di Mattia, Chiara Toscano, Debora Di Dio, Chiara Passarello, Alessio Licciardello e Riccardo Gula.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche