ASP e Ospedali

La Buona Sanità

Dolore cronico, al San Giovanni di Dio la neurostimolazione midollare

Si ricorre a questa metodica interventistica per i pazienti resistenti ai trattamenti farmacologici e alle terapie infiltrative invasive.

Tempo di lettura: 2 minuti

Eseguito per la prima volta all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento un delicato, doppio intervento chirurgico per la collocazione di un neurostimolatore midollare ad un paziente affetto da dolore cronico.

Perfettamente ultimata dall’equipe dell’ambulatorio di terapia del dolore, afferente all’Unità operativa complessa di anestesia e rianimazione diretta dal dottor Gerlando Fiorica, la metodica interventistica apre di fatto a nuove prospettive di cura per tutti quei pazienti agrigentini affetti da dolore cronico resistente alla terapia farmacologica e non farmacologica, che possono adesso ricevere nuovi trattamenti altamente specializzati nella propria città senza dover ricorrere a fastidiosi spostamenti fuori provincia.

Nel caso trattato, il paziente era già stato sottoposto in precedenza ad un intervento per il posizionamento di un neurostimolatore midollare presso un altro ospedale della Sicilia. Non più funzionante perché dislocato dalla sua posizione originaria e quindi inefficace ai fini del controllo del dolore, il dispositivo preesistente è stato prima rimosso al “San Giovanni di Dio” e poi sostituito con un nuovo impianto di ultima generazione.

Gli stimolatori midollari sono strumenti ultra specialistici, e molto costosi, che vengono impiegati nel controllo del dolore cronico in quei pazienti che, come detto, sono risultati resistenti ai trattamenti farmacologici e alle terapie infiltrative invasive.

Sono composti da un catetere stimolatore impiantato nel canale vertebrale, adagiato sul midollo spinale e collegato ad un generatore delle dimensioni di un pace-maker da cui partono impulsi elettrici a basso voltaggio che vengono trasmessi al midollo. In questa maniera riescono ad “interferire” direttamente e tramite modifiche strutturali su quella parte del sistema nervoso centrale deputato alla trasmissione e modulazione del dolore.

Il recupero funzionale e la liberazione dal dolore sono progressivi e costanti, con conseguente miglioramento della qualità di vita dei pazienti che, addirittura, potranno utilizzare un telecomando per modificare e regolare l’intensità della stimolazione prodotta dal dispositivo collocato sottopelle.

L’intervento, eseguito in sala operatoria con un’anestesia locale associata ad una lieve sedazione, è stato condotto dall’equipe dell’ambulatorio di terapia del dolore diretta dal dr. Salvatore Farruggia con la collaborazione del dr. Massimiliano Pinelli e del dr. Massimiliano di Miceli.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche