Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
apprendimento

Salute e benessere

Il convegno a Palermo

Disturbi dell’apprendimento, il luminare Benso: «Ecco come vanno trattati»

Il noto studioso di neuroscienze cognitive è stato ospite a Palermo su iniziativa di "Virtualmente", centro studi per l'apprendimento Onlus dove ha partecipato all'incontro pubblico su "Attenzione esecutiva e apprendimenti».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «I bambini e i ragazzi con disturbi dell’apprendimento che hanno una fragilità del sistema attentivo esecutivo, spesso presentano difficoltà nel gestire le proprie emozioni, controllare i loro impulsi, sopprimere i pensieri irrilevanti; hanno difficoltà a gestire la frustrazione e possono presentare anche difficoltà relazionali, ma soprattutto hanno difficoltà ad imparare se non coinvolti e motivati in maniera adeguata. Il nostro sistema attentivo esecutivo è allenabile attraverso degli appositi training che creano quelle connessioni che gli permettono di ristrutturarsi».

Lo ha detto il professor Francesco Benso (nella foto), fra i più importanti studiosi di neuroscienze cognitive in Italia, ospite ieri a Palermo su iniziativa di “Virtualmente”, centro studi per l’apprendimento Onlus dove ha partecipato all’incontro pubblico su “Attenzione esecutiva e apprendimenti».

«I disturbi specifici dell’apprendimento- ha aggiunto Benso- si possono, infatti, trattare e migliorare attraverso esercizi di recupero anche in adolescenza. Il trattamento apporta cambiamenti cognitivi e strutturali, mantiene i risultati e soprattutto non solo è applicabile all’età evolutiva ma anche all’adulto».

Il professore Benso è docente di Neuroscienze cognitive e ha insegnato Psicologia Fisiologica e Psicologia dell’attenzione nell’Università degli Studi di Genova. Da anni è consulente e formatore presso diverse università italiane, aziende sanitarie locali, ospedali e centri clinici e sportivi.

Per Palermo e la Sicilia la sua presenza a Palermo è un’occasione molto importante, perché il docente è, fra l’altro, autore del celebre “Metodo Benso”, un trattamento cognitivo integrato in grado di apportare notevoli benefici ai bambini e ai ragazzi con disturbi dell’apprendimento (dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia).

Al termine dell’incontro, l’inaugurazione dei nuovi locali palermitani del Centro Studi e Ricerche per l’Apprendimento “Virtualmente Onlus” in via Notarbartolo 35, iniziativa nata dall’esperienza familiare di Sara Ferina (mamma di due bambini con disturbi dell’apprendimento), che, dopo avere raggiunto il titolo di tecnico dell’apprendimento (TdA), ha intrapreso negli anni una vera e propria missione: aiutare tutti i ragazzi con difficoltà, attivando la rete “scuola – doposcuola – famiglia”.

Oggi la Onlus attivata da Sara e da suo marito Antonio Di Fresco si dedica quotidianamente all’aiuto e alla risoluzione dei problemi di bambini, adolescenti e famiglie che sono direttamente coinvolte nelle problematiche dell’apprendimento, sia a scuola, sia nelle ore extrascolastiche, con lo scopo di far crescere i ragazzi nel loro percorso individuale verso l’autonomia e l’autostima.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati