Dal palazzo

Stato di agitazione

«Disparità di trattamento»: scoppia la protesta dei precari della Sanità

La Fials Sicilia: «L'assessorato non ha emanato alcuna direttiva vincolante e i commissari si muovono in ordine sparso» .

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Disparità di trattamento verso i precari nelle aziende sanitarie siciliane». Lo denuncia il sindacato Fials Sicilia che annuncia lo stato di agitazione del personale della sanità preannunciando azioni di protesta.

Precari della Sanità, la protesta

«L’assessorato non ha emanato alcuna direttiva e i commissari si muovono in ordine sparso, rifiutandosi in certi casi di rinnovare i contratti anche su posti vacanti in organico- scrive la segreteria regionale del sindacato autonomo- L’assessorato ad oggi non ha emanato alcuna direttiva vincolante ai commissari straordinari delle Aziende sanitarie siciliane, in merito alla sospensiva delle procedure concorsuali e al mantenimento in servizio del personale precario “su posto vacante”, con l’inevitabile conseguenza di lasciare liberi i singoli responsabili delle aziende di determinarsi in base ai più disparati e discutibili criteri di autonomia decisionale».

Secondo la Fials «in conseguenza di tale inerzia stiamo assistendo al trionfo dell’incertezza, laddove alcuni commissari si affrettano a definire i concorsi già banditi, al fine di reclutare nuovo personale dall’esterno, rendendo, nella sostanza, il protocollo sulle stabilizzazioni un vuoto esercizio di retorica politico-sindacale».

L’appello sulle prestazioni aggiuntive

La Fials ricorda inoltre che «a distanza di mesi dall’assegnazione delle risorse per i pronto soccorso non è stato avviato alcun confronto regionale, lasciando la Sicilia come fanalino di coda rispetto alle rimanenti Regioni. Inoltre ad oggi non è stato avviato alcun confronto per i criteri di ripartizione fra le singole aziende delle risorse per l’abbattimento delle liste di attesa nei servizi di emergenza-urgenza della Regione, con il conseguente adeguamento delle tariffe delle prestazioni aggiuntive ovvero di 100 euro lordi per il personale medico e 50 per il personale di comparto».

La foto è di archivio

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche