Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Lectio magistralis di Leopold Saltuari

Disordini di coscienza, esperti a confronto al Centro neurolesi «Bonino Pulejo»

Organizzata dall’Irccs con il patrocinio dell’Università degli Studi di Messina e dell’Aidm Messina Peloro, l'iniziativa ha visto la Lectio magistralis di Leopold Saltuari, uno dei massimi esperti a livello mondiale sul tema.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. Oggi (sabato 11 giugno), nell’auditorium del Centro Neurolesi “Bonino Pulejo”, si è tenuto il convegno sul tema “Approccio multidisciplinare al paziente con Disordini di Coscienza”, organizzato dall’Irccs con il patrocinio dell’Università degli Studi di Messina e dell’Aidm Messina Peloro.

Dopo i saluti del direttore scientifico Placido Bramanti, del direttore generale Angelo Aliquò, del direttore sanitario Bernardo Alagna e del direttore del dipartimento di Scienze Biomediche, Odontoiatriche e delle Immagini Morfologiche e Funzionali (Biomorf) dell’Università di Messina Giuseppe Pio Anastasi, si è tenuta la Lectio magistralis di Leopold Saltuari (Direttore UO Neurologia Landeskrankenhaus Hophzirl-Natters; direttore Scientifico Ospedale di Vipiteno), uno dei massimi esperti a livello mondiale nell’ambito della neuroriabilitazione e dei disordini di coscienza, su “Classificazione e criteri diagnostici dei disordini di coscienza”.

A seguire, sono intervenuti:

  • Carmela Rifici (Neurologo Irccs Bonino Pulejo) su “Percorso clinico-assistenziale del paziente con disordini di coscienza”;
  • Daniela Floridia (Anestesista Irccs Bonino Pulejo) su “Il modello organizzativo sulla gestione dell’area delle funzioni di base quale management dei pazienti con disordini di coscienza”;
  • Simona De Salvo (Tecnico di Neurofisiopatologia Irccs Bonino Pulejo) su “Approccio neurofisiologico al paziente con disordini di coscienza”;
  • Fabrizia Caminiti (Foniatra Irccs Bonino Pulejo) su “Ruolo della valutazione e riabilitazione olfattiva in pazienti con disordini di coscienza”;
  • Silvia Marino (Neurologo Irccs Bonino Pulejo) su “Imaging non convenzionale nella valutazione dei disordini di coscienza”;
  • Francesco Corallo (Psicologo Irccs Bonino Pulejo) su “L’impatto psicologico e i bisogni dei caregivers di pazienti con gravi disordini di coscienza”.

Come è stato spiegato, il trattamento assistenziale e riabilitativo degli Stati Vegetativi e degli Stati di Minima Coscienza necessita di particolare attenzione in quanto queste condizioni:

  • sono ad elevata e progressivamente crescente incidenza, con elevata mortalità e disabilità;
  • determinano quadri clinici complessi con considerevole impegno gestionale ed intervento in equipe;
  • l’assistenza necessita di competenza ed esperienza peculiari;
  • necessitano di un’organizzazione multi e interdisciplinare per corrispondere a precisi bisogni clinici;
  • necessitano di strutture dedicate di riferimento ad alta valenza riabilitativa già nella fase acuta;
  • l’intervento di informazione e di supporto psicologico dei familiari deve essere disponibile e mirato e creare un’alleanza terapeutica con l’equipe già dalla fase acuta;
  • è evidente la necessità di identificare e formare una nuova cultura professionale specifica nonché di incrementare nuove aree di ricerca.

 

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati