Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Lettera al ministro Lorenzin

I dirigenti amministrativi di Asp ed ospedali siciliani: «Noi, esclusi illegittimamente dalle stabilizzazioni»

Non si arresta la protesta di cui ha dato notizia nei giorni scorsi Insanitas. Richiesto l'intervento del ministro Lorenzin.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Puntano l’indice contro «l’illegittima esclusione dei soli Dirigenti Amministrativi dalle procedure di stabilizzazione della Dirigenza di cui alla Legge Madia». E lo fanno con una lettera inviata tra gli altri al ministro per la Salute, Beatrice Lorenzin (nella foto).

Monta sempre più la protesta dei dirigenti amministrativi in servizio con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato nella sanità pubblica siciliana, già anticipata nei giorni scorsi da Insanitas.

Abbiamo contattato per una replica l’assessorato alla Salute, la pubblicheremo non appena dovesse arrivare.

Nella missiva i dirigenti scrivono di «evidente disparità di trattamento che si sta perpetrando nella nostra Regione», a proposito appunto delle stabilizzazioni dei precari della Sanità siciliana.

Seguono alcune considerazioni tecniche: «I commi 1 e 2 dell’art. 20 del D.Lgs. n°75/17 consentono l’assunzione a tempo indeterminato del personale non dirigenziale, con contratto a tempo determinato e contratto di lavoro flessibile in possesso dei requisiti rispettivamente prescritti dai succitati commi 1 e 2».

Ed ancora: «Il successivo comma 11 dell’art. 20, con le modifiche apportate dal comma 813 dell’art. 1 della Legge n° 205/17, prevede che i commi 1 e 2 dell’art. 20 del D.Lgs. n°75/17 sono applicabili a tutto il personale dirigenziale e non del Servizio Sanitario Nazionale e le Circolari esplicative del D.Lgs. n° 75/17 emanate dal Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione n° 3/2017 e n° 1/2018 confermano il precedente assunto».

Poi si va al merito della questione: «Purtroppo, in esito al pedissequo recepimento della norma nazionale da parte della Regione Sicilia, attraverso l’atto d’indirizzo dell’Assessorato Regionale della Salute del 22/01/2018, gli scriventi tutti in possesso dei requisiti hanno potuto appurare l’illegittima esclusione dalle procedure di stabilizzazione riservate al personale precario, solo dei Dirigenti Amministrativi».

Da qui l’appello alla Lorenzin: «Si richiede l’autorevole intervento di codesto Ministero, al fine di evitare l’evidente disparità di trattamento ed il nocumento causato dall’illegittima esclusione degli scriventi dai processi di stabilizzazione del personale precario».

Se così non fosse, gli autori della protesta sono pronti «ad impugnare i provvedimenti di stabilizzazione posti in essere dalle Aziende Sanitarie della Regione Sicilia dei colleghi della medesima area contrattuale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati