posti letto ospedale Castelvetrano elisuperficie ostetricia

«Dimesso dall’ospedale di Castelvetrano, poi muore»: avvisi di garanzia a 20 medici ed infermieri

17 Febbraio 2017

Caso di presunta malasanità al Vittorio Emanuele II con l'accusa di omicidio colposo.

 

di

TRAPANI. Un caso di presunta malasanità, che sfocia in ben venti avvisi di garanzia notificati a medici ed infermieri. Accade all’ospedale Vittorio Emanuele II di Castelvetrano, dove la Procura di Marsala accusa di omicidio colposo alcuni sanitari.

L’indagine parte dalla denuncia inoltrata dai familiari di un uomo di Campobello di Mazara, T. G. di 49 anni, morto nella notte tra il 7 e l’8 febbraio a quanto sembra poche ore dopo essere stato dimesso dal Pronto soccorso del nosocomio, dove si era recato già alcune volte per presunti problemi di natura cardiaca.

Gli era stato assegnato il codice giallo, cioè quello di media gravità,  poi la diagnosi (“addensamenti polmonari bilaterali” e una “broncostenosi diffusa”) e in base al racconto dei familiari la successiva dimissione. Ritornato a casa, l’uomo è morto.

L’autopsia è stata già effettuata dai medici dell’Istituto di Medicina Legale di Palermo, si attende ora l’esito. L’avviso di garanzia è stato notificato a medici del Pronto soccorso e dei reparti di Cardiologia e Medicina interna.

AGGIORNAMENTO: ecco la replica che smentisce i fatti denunciati dai familiari del paziente

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV