Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

L'annuncio

Dietrofront di Orlando: Palermo, le scuole rimangono aperte

Il sindaco non firma l'ordinanza ma sottolinea: "Ho chiesto uno screening di massa per il mondo della scuola già da lunedì". E dall'Asp annunciano controlli a tappeto

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Dietrofront di Leoluca Orlando: al contrario di quanto annunciato, non ha firmato l’ordinanza per la chiusure delle scuole dell’obbligo a Palermo.

Durante una conferenza stampa, infatti, il sindaco ha reso noto di avere sentito telefonicamente il presidente della Regione Nello Musumeci, il ministro della Salute Roberto Speranza e quella dell’Istruzione Lucia Azzolina: «Ho chiesto uno screening di massa per il mondo della scuola già da lunedì, in caso contrario sono pronto a firmare l’ordinanza», le parole di Orlando.

L’ASP: “INCENTIVATI GLI SCREENING NELLE SCUOLE”

Non è un caso, quindi, che nel giro di pochi miniti l’Asp di Palermo fa sapere che il Direttore generale Daniela Faraoni, ed il Commissario per l’emergenza Covid a Palermo, Renato Cossta, condividendo le legittime istanze provenienti dalle Amministrazioni comunali con le quali si è intrapreso un proficuo rapporto di collaborazione, hanno realizzato un’organizzazione in grado di incentivare ulteriormente lo screening nelle scuole di città e provincia.

«Ad integrazione della campagna attiva della Regione per la ricerca del Coronavirus attraverso l’impiego di tamponi rapidi, già rivolta in tutta la Sicilia al mondo della scuola- hanno spiegato Faraoni e Costa- andremo direttamente negli Istituti per un monitoraggio continuo e costante, ma soprattutto per eventuali interventi rapidi e certi. Il mondo della scuola rappresenta una priorità assoluta sulla quale l’intera organizzazione voluta dal presidente Musumeci e dall’assessore Razza, ripone la massima attenzione nel pieno interesse della collettività. Già dalla prossima settimana saremo nelle scuole per avviare una campagna di screening rivolta a studenti, professori e personale non docente».

L’Asp ha istituto 10 USCA esclusivamente dedicate alla prevenzione, tracciamento e screening negli Istituti. Medici ed infermieri- già reclutati- si occuperanno e dedicheranno interamente a studenti, professori e docenti per garantire il regolare svolgimento delle lezioni negli Istituti in cui non è stata interrotta la didattica di presenza. Le dieci USCA saranno distribuite nel territorio: due nella parte occidentale della provincia, due in quella orientale e sei in città.

«L’iniziativa di estendere il numero della USCA scolastiche- hanno concluso Faraoni e Costa- è volta a rasserenare lo stato di preoccupazione dei genitori e degli operatori scolastici per consentire quanto più possibile un clima di normale prosecuzione delle attività fronteggiando la pandemia e l’allarme che questa può generare».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati