Salute e benessere

I dettagli

Dieta e stile di vita del Mediterraneo, in Sicilia al via tavolo tecnico regionale

Istituito presso il DASOE dell’Assessorato della Salute. Ecco gli obiettivi e i componenti.

Tempo di lettura: 4 minuti

PALERMO. Al via presso il Dipartimento ASOE dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana il Tavolo Tecnico SViMed per l’adozione del Programma Regionale per la promozione e la rivalorizzazione dello Stile di Vita Mediterraneo. Ad istituirlo un decreto a firma dell’assessore Giovanna Volo e già pubblicato in Gurs.

Gli obiettivi principali:
a) Promozione della Health Nutrition Literacy per implementare la consapevolezza del rapporto tra alimento e salute da diffondere tra tutte le fasce sociali determinando l’empowerment del singolo e lo sviluppo delle Life Skills e di una coscienza alimentare personale e collettiva;
b) Attuazione di un programma di diffusione di sane abitudini alimentari fondate sulla evidenza scientifica e sui valori della Dieta Mediterranea;
c) Promozione della conoscenza del sistema agroalimentare in rapporto alle risorse ed al contesto socio-culturale, nel rispetto della tutela ambientale;
d) Radicazione dei principi etici e di quelli legati alla tradizione ed alla cultura del territorio;
e) Condivisione della trasversalità del concetto di Educazione Alimentare relativamente agli aspetti scientifici, storici, geografici, etici, culturali, antropologici, ecologici, sociali, psicologici legati al corretto rapporto, individuale e collettivo, con il cibo;
f) Promozione dell’attività fisica ad ogni età;
g) Incremento della qualità degli alimenti legata a fattori di sicurezza, sostenibilità, stagionalità, intercultura e territorialità;
h) Conduzione coordinata e condivisa delle varie iniziative di settore secondo requisiti univoci di impostazione tecnica e/o scientifica;
i) Promozione delle iniziative di formazione a cascata sul modello FED (Formazione Educazione Dieta) di cui al D.A. 2507/2013 e successive modifiche o integrazioni;

Il dirigente generale del Dasoe, Salvatore Requirez (nella foto in alto) sottolinea: «Si tratta di un progetto ambizioso e impegnativo. Ci conforta l’esperienza ultradecennale ottenuta con risultati lusinghieri sul piano formativo e organizzativo con il progetto FED (Formazione Educazione Dieta) che per lungo tempo ha condotto ad un progressivo allineamento delle libere teorie circolanti sul tema alle evidenze scientifiche più accreditate. È impegnativo perché si pone obiettivi probanti e di straordinario interesse su base economico sanitarie. Rimuovere i fattori di rischio modificabili per malattie cronico degenerative (cardiovascolari, tumorali, polmonari, etc.) significa creare le condizioni nella popolazione esposta valide ad inibire o rimandare di diversi decenni l’insorgenza di dette patologie. Sono le stesse patologie che da sole assorbono il 70/75% delle risorse consumate dal SSR per l’assistenza sanitaria ambulatoriale e ospedaliera».

Il Tavolo Tecnico è costituito da:
1. Il Dirigente Generale del Dipartimento ASOE dell’Assessorato Regionale alla Salute o suo delegato;
2. Il Dirigente del Servizio Promozione della Salute DASOE o suo delegato;
3. Il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia o suo delegato;
4. Il Dirigente del Servizio Formazione del DASOE o suo delegato;
5. Il Dott. Giuseppe Carruba – Responsabile SIRS, ARNAS Civico di Palermo n.q. di Responsabile Scientifico dei progetti MeDiet, DiMeSa e PASSI;
6. Il Dott. Pietro Di Fiore n.q. di Responsabile Centro di Prevenzione e Cura dell’Obesità, ASP Palermo;
7. La Dott.ssa Elena Alonzo n.q. di Direttore SIAN, ASP di Catania – Componente TaSiN;
8. Il Dott. Francesco Leonardi n.q. componente TaSiN;
9. Il Dirigente del Laboratorio Promozione della Salute CEFPAS;
10. Il Prof. Francesco Vitale – Direttore del Dipartimento Assistenziale Servizi di Ospedale del Policlinico Universitario P. Giaccone – Palermo;
11. La Prof.ssa Ligia Juliana Dominguez Rodriguez– Docente di Metodologia Generale Medica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli studi di Enna “Kore”;
12. La Dott.ssa Flavia Cascio – Ordine Professionale Dietisti – Palermo;
13. Il Prof. Claudio Costantino Associato di Igiene Generale ed Applicata presso Università degli Studi di Palermo;
14. Il Dott. Giuseppe Disclafani, medico esperto in Medicina dei Territori, ASP Palermo;
15. La Prof.ssa Daniela Crimi, n.q di rappresentante del corpo docente della Scuola dell’obbligo.

Il coordinamento dei lavori del Tavolo Tecnico è affidato al Dirigente del Servizio 5 del Dipartimento ASOE
dell’Assessorato Regionale alla Salute o suo delegato.

Giuseppe Carruba (foto Insanitas)

Uno dei componenti, Giuseppe Carruba, sottolinea: «Il tavolo svolge funzioni di indirizzo e di coordinamento per la fase operativa a carico di Aziende ed Enti del S.S.R e di strutture pubbliche e private attive nell’ambito della promozione della salute, in armonia agli indirizzi programmatici forniti da AGENAS, Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità e dal Tavolo Tecnico sulla Sicurezza Nutrizionale Nazionale (TaSiN) e Regionale (TaRSiN)».

Inoltre, Carruba aggiunge: «I contenuti della fase operativa del programma, realizzato attraverso un approccio intersettoriale e multidimensionale, includono: (a) attività della Rete Territoriale Integrata con declinazione degli interventi previsti dal PRP 2020-2025 e da TaSiN/TaRSiN; (b) studi pilota e progetti finanziati su fondi regionali, nazionali e comunitari; (c) campagne formative e informative specifiche ed intersettoriali; (d) attività di promozione e tutela di prodotti alimentari territoriali ad elevatopotenziale salutistico e loro diffusione nella ristorazione collettiva e nelle mense ospedaliere, scolastiche, aziendali regionali; (e) riconoscimento delle imprese di settore in linea col Programma».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1


    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche