Sanità privata

Convenzionati e accreditati

Dialisi, l’appello dei Centri privati siciliani: «Tariffe da adeguare»

Si è tenuta oggi in Commissione Sanità presso l’Ars l'audizione delle Associazioni di categoria che alcuni mesi fa hanno indetto lo stato di agitazione.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Si è tenuta oggi l’audizione in Commissione Sanità presso l’Ars delle Associazioni di categoria che rappresentano i Centri Privati della Dialisi convenzionata e accreditata. Era stata richiesta dai centri di dialisi in seguito allo stato di agitazione che gli stessi avevano indetto ormai mesi fa.

In un comunicato ssociazione Dialisi Sicilia (ADS), Associazione Dialisi Privata (ADIP), Associazione Siciliana Centri Emodialisi Accreditati (ASCEA) e Associazione Ambulatori di Emodialisi (ARCADE) sottolineano: «La situazione economica all’indomani del Covid è deflagrata con aumenti dei costi esponenziali ai quali non è corrisposto alcun aumento delle tariffe, ferme ancora al 2004, un mondo che ormai non esiste più. Abbiamo fatto presente la situazione attuale e ribadito la nostra proposta per migliorare l’integrazione pubblico-privato, garantire i giusti standard qualitativi al paziente nefropatico e adeguare conseguentemente le tariffe all’aumento generale di tutti i costi».

«In questi lunghi anni le nostre strutture si sono sobbarcati tutti gli aumenti garantendo sempre continuità del servizio ed elevata qualità nell’erogazione delle prestazione andando quasi sempre ben oltre quello che il sistema regionale sanitario prevede, avendo come obiettivo primario sempre la salute dei pazienti. Abbiamo ringraziato il presidente Laccoto per averci tempestivamente convocato ed ascoltati, l’Assessore Regionale ed il Direttore Generale per il confronto in commissione, sicuro che continuerà presto nei tavoli dedicati. Ci teniamo anche a ringraziare gli onorevoli Galluzzo, componente della commissione sanità e Bica per aver partecipato attivamente». Nella foto, da sinistra: Mario Iannone, Costantino Bartoli, Giuseppe Verde, Manfredi Messina e Livio Marrocco.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche