Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Consorzio europeo

Diagnosi precoce dell’Alzheimer, innovativo progetto del “Bonino Pulejo” finanziato con tre milioni

Il cosidetto "SensApp" punta a sviluppare un sensore totalmente innovativo per la diagnosi tramite un semplice prelievo di sangue.

Tempo di lettura: 3 minuti

MESSINA. Ancora una volta l’IRCCS Centro Neurolesi Bonino-Pulejo si attesta eccellenza nel campo delle “neuroscienze”.

La sinergia tra attività di Ricerca, Assistenza sanitaria di alta specialità, innovazione tecnologica e alta formazione, che da sempre caratterizzano l’Ente di Ricerca Sanitaria, in linea con la sua mission istituzionale, fa conseguire all’istituto un finanziamento di oltre 3 milioni di euro.

Ottenuto mediante il consorzio europeo, è legato ad un progetto “SensApp” – coordinato dall’Istituto di scienze applicate e sistemi intelligenti del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isasi) – selezionato tra 375 proposte e nell’ambito del pilastro di eccellenza FET Open del programma Horizon 2020.

Il progetto europeo SensApp (Super-sensitive detection of Alzheimer’s disease biomarkers in plasma by an innovative droplet split-and-stack approach), avviato ufficialmente il primo gennaio 2019, punta a sviluppare un sensore totalmente innovativo per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer, tramite un semplice prelievo di sangue.

La tecnologia abilitante che lo caratterizza – denominata “droplet-split-and-stack” – si basa sull’effetto piroelettrico e consente di superare i limiti di diffusione riscontrati nei test immunologici tradizionali. Essa, infatti, è in grado di rilevare i marker specifici del morbo di Alzheimer (beta-amiloide, tau, tau fosforilata) attraverso una semplice goccia di sangue prelevata dal paziente.

Il dispositivo consentirà, pertanto, una diagnosi rapida, non invasiva e un intervento terapeutico tempestivo e mirato.

Si tratta di una svolta importante, considerato che, finora, i marker suddetti vengono ricercati nel liquido spinale del paziente che viene prelevato tramite puntura lombare: un intervento poco praticabile e che richiede l’ospedalizzazione del paziente.

A fronte della vasta diffusione della malattia e della crescente aspettativa di vita, il sensore sviluppato dal progetto “SensApp” costituisce, pertanto, un emblematico esempio di ricerca a rilevanza traslazionale su scala internazionale e promette un impatto significativamente positivo e diretto sul sociale, rivoluzionando l’approccio clinico alla malattia di Alzheimer.

«Fare parte- afferma il prof. Placido Bramanti, direttore Scientifico del “Bonino Pulejo” – di un Consorzio Europeo con Paesi evoluti sul piano scientifico come Finlandia, Svezia, Austria e Belgio, rappresentando l’Italia insieme al Consiglio Nazionale delle Ricerche, è per noi motivo di orgoglio e di prestigio, che porta il nostro IRCCS e la nostra Regione a livelli internazionali. Lo studio che sarà condotto dall’equipe della dott.ssa Emanuela Mazzon, è preludio di un’epocale svolta nella diagnosi precoce della malattia di Alzhaimer, attraverso una tecnica semplice, quale può essere una minima applicazione cutanea».

Il consorzio europeo di progetto è composto da 6 unità che includono l’Università di Bruxelles (Belgio), l’Università di Linz (Austria), il Centro ricerche VTT della Finlandia, l’IRCCS Centro Neurolesi Bonino Pulejo di Messina e l’azienda Ginolis specializzata in sistemi di automazione per la diagnostica (Finlandia).

Il progetto coinvolge anche alcuni ricercatori e professori universitari del Dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali e della produzione (Università di Napoli Federico II), associati a Cnr-Isasi.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati