curarsi in sicilia

Dal palazzo

L'appuntamento

“Curarsi in Sicilia” entra nel vivo: il 30 gennaio convegno a Palermo

Il progetto promosso da Insanitas con il Dasoe prevede anche un corso formativo nella sede dell'Ordine dei giornalisti e un format tv in 10 puntate.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Entra nel vivo il progetto “Curarsi in Sicilia”, promosso da Insanitas con il contributo del Dasoe (Dipartimento delle Attività Sanitarie ed Osservatorio Epidemiologico) dell’assessorato della Salute. Il 30 gennaio 2024, infatti, si terrà a Palermo (Hotel NH al Foro Italico) il convegno “Mobilità passiva. Come una corretta comunicazione può ridurre i DRG di fuga” (CLICCA QUI per l’iscrizione).

Durante il corso dei lavori (CLICCA QUI per il programma) verrà dato ampio spazio alla comunicazione della salute, con accurati approfondimenti sui temi dell’etica, della deontologia e dell’aggiornamento professionale, con un importante focus sulle eccellenze presenti in Sicilia, capaci di erogare adeguatamente le prestazioni di cui ai principali DRG di fuga.

 

Trapianti di midollo osseo, interventi per obesità, protesi d’anca o di ginocchio: sono alcuni dei principali “drg di fuga” per la Sicilia, cioè quelle prestazioni sanitarie per le quali i siciliani scelgono di farsi curare altrove. Prevalentemente in regioni del nord Italia quali Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna.

Non sempre però queste scelte sono confortate dalle evidenze scientifiche. Lo studio realizzato da Innogea  dimostra, ad esempio nell’ambito delle malattie muscoloscheletriche, come la media delle prestazioni erogate in Sicilia sia migliore non solo di quella nazionale, ma anche della media delle prestazioni erogate nelle regioni dove più spesso i siciliani decidono di andarsi a curare.

Da qui, appunto, l’idea di realizzare il progetto “Curarsi in Sicilia”, che può contare sulla segreteria organizzativa di Collage S.p.A., il contributo non condizionante di Gilead e Novocure e il patrocinio della Fondazione Siciliana per l’Oncologia.

Il corso formativo del 25 gennaio

Il progetto “Curarsi in Sicilia” prevede pure un corso formativo per giornalisti, medici e altri professionisti della sanità, che si terrà dalle ore 10 del 25 gennaio a Palermo, presso la sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, dal titolo “Comunicare la salute, tra etica e deontologia”.

Il format televisivo di 10 puntate dal 28 febbraio al 28 marzo

A questi due appuntamenti faranno seguito dal 28 febbraio al 28 marzo 2024 le prime 10 puntate di un nuovo format televisivo, dal titolo “Curarsi in Sicilia” che, con cadenza bisettimanale, verranno messe in onda sui canali youtube InsanitasTV e Collage-Diretta Medica, e rilanciate dalla testata giornalistica www.insanitas.it con appositi articoli.

Il format, della durata di circa 20 minuti per ciascuna puntata e condotto dalla giornalista Giada Giaquinta, prevede la presenza di medici, esperti, analisti e cronisti che punteranno di volta in volta l’attenzione sull’offerta sanitaria di qualità che esiste in Sicilia su specifiche aree di intervento, al fine di offrire un’alternativa alla non sempre giustificata tendenza di andare altrove alla ricerca di cure ritenute a torto migliori.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche