Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
attiva sicilia

Dal palazzo

Coronavirus

Covid 19, la proposta di Attiva Sicilia: “Puntare sui medici di base”

Non solo tamponi, il movimento politico suggerisce i medici di base anche per la cura dei paucisitntomatici

Tempo di lettura: 2 minuti

Rendere i medici di medicina generale protagonisti nella battaglia contro il coronavirus attraverso l’adozione di protocolli obbligatori che sfruttino terapie sperimentali validate, in grado di fermare la malattia quando è nella sua fase iniziale. I medici di base dovrebbero quindi occuparsi dei pazienti con sintomi lievi che sono nello stadio iniziale della malattia, prescrivendo loro quelle cure che la comunità scientifica inizia a individuare come capaci di fermare il virus all’inizio, così da prevenire il sorgere di sintomi più seri e la conseguente necessità di un ricovero ospedaliero, evitando di sovraffollare le strutture sanitarie. È questo il senso di una mozione presentata dal gruppo di Attiva Sicilia all’Ars e rivolta all’assessore regionale alla Sanità.

“Dare più valore ai medici di medicina generale – spiega il deputato regionale di Attiva Sicilia, Sergio Tancredi – permetterebbe di rafforzare il ruolo strategico della medicina territoriale nella lotta al virus, salvando il maggior numero di vite umane e facendo anche risparmiare i potenziali costi assistenziali per disabilità conseguenti a ritardo nelle cure e a complicanze. Il dato maggiormente preoccupante di questa fase della pandemia, infatti, riguarda la sempre crescente pressione sulle strutture ospedaliere con la progressiva riduzione dei posti letto disponibili nei reparti di terapia intensiva. Inoltre, il sovraffollamento ha la tragica conseguenza di far diminuire drasticamente i livelli di assistenza sanitaria sia per i pazienti affetti da Covid 19 che per quelli affetti da altre patologie gravi”.

Ad esempio, la comunità scientifica ha individuato che l’uso di eparina e cortisone nello stadio iniziale della malattia, anche a domicilio, può abbattere la capacità patologica del virus ed evitare l’aggravarsi del paziente. Stesso discorso per la somministrazione dell’adenosina tramite via aerosolica che pare si possa effettuare anche negli ambulatori dei medici di base.

“Dunque – sottolinea Tancredi – appare quanto mai opportuno riorganizzare la sanità territoriale attribuendo alla medicina di base un ruolo determinante nella cura dei pazienti paucisintomatici risultati positivi, attraverso l’adozione obbligatoria delle prassi descritte in questi protocolli, qualora approvati dalle competenti autorità”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati