Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
infermieri catania istituzioni sanitarie denuncia guardia medica sicurezza

Dal palazzo

La nota

Covid-19, Fsi-Usae: «Assumere infermieri e Oss o la Sicilia rischia il collasso della Sanità»

Il sindacato chiede all'assessore Razza di intervenire urgentemente «per porre rimedio a questa gravosa situazione che mette a rischio sia i cittadini che il personale».

Tempo di lettura: 3 minuti

«Il virus sta colpendo con violenza gli ospedali siciliani, mettendo a dura prova il personale della sanità, che esce da due anni con le ossa rotte da una pandemia ancora in corso. Mediamente, nelle aziende sanitarie dell’isola, il 4 % dei sanitari fra medici, infermieri, oss e tecnici, risulta contagiato, con punte del 5 % nel palermitano». Lo affermano dalla Fsi-Usae Sicilia, denunciando la difficoltà delle 17 aziende sanitarie e ospedaliere a coprire e pianificare i turni per carenza di personale.

«Un dilagare dell’infezione fra gli operatori della sanità mai visto prima, nelle precedenti ondate. Un numero elevato di assenze se a questi si sommano gli operatori sanitari sospesi per non aver osservato l’obbligo vaccinale- aggiungono dal sindacato- La situazione è sulla soglia di guardia, e le cure potrebbero essere a rischio», si legge nella nota che denuncia «la grave carenza di infermieri e oss che ad oggi arriva quasi a 15mila unità nelle sole strutture pubbliche».

«Le unità operative soffrono la carenza di personale soprattutto nei dipartimenti di emergenza, di area critica e nei reparti covid, e l’organizzazione degli ospedali è sotto stress con il personale vincolato a fare doppi turni e straordinari per garantire i servizi, rinunciando spesso ai riposi, pertanto è necessario dare risposta urgentemente anche allo stato di tensione emotiva, fisica e mentale degli operatori. Le attività sanitarie richiedono serenità psichica, vigilanza e grande attenzione nei processi di assistenza infermieristica specializzata per la gestione di apparecchiature elettromedicali avanzate, quali respiratori, monitor, defibrillatori, aspiratori, elettrocardiografi e dispositivi che salvano la vita dei pazienti, attività che raramente vengono citate».

Il sindacato sottolinea: «È vero che sono stati fatti degli sforzi l’anno scorso sul fronte delle assunzioni nella prima fase della pandemia, ma la Sicilia arriva da una situazione di carenza storica di organico catastrofica. Con i pensionamenti e l’aumento del fabbisogno assistenziale siamo tornati alla situazione precedente. Se la Regione Siciliana vuole mantenere i servizi sanitari, a questo ritmo deve arruolare personale in quantità bastevole per gestire una situazione sempre più complessa».

«Gli ospedali siciliani sono in sofferenza e in attesa del picco dell’ondata dei contagi atteso per fine gennaio- sottolinea la Fsi-Usae- Nei pronto soccorso si presentano, diversamente dalle precedenti ondate, sia pazienti contagiati che pazienti con altre patologie che magari scoprono di essere contagiati. Se il vaccino si sta mostrando una buona risorsa contro il Covid garantendo un decorso clinico dell’infezione caratterizzato da sintomi lievi, anche gli operatori sanitari devono fare i conti con il virus. Se il personale sanitario infetto dovesse essere costretto ad assentarsi, se i pazienti aumentassero e diminuirebbero i posti letto, le aziende si troverebbero a fare i conti con i limiti di capacità ricettiva».

«La nostra richiesta all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza è quella di intervenire urgentemente per porre rimedio a questa gravosa situazione che mette a rischio sia i cittadini che il personale, con l’unica cosa utile che si può fare in questi casi: assumere. A fronte di questa drammatica situazione, la linea della Fsi-Usae è ben chiara: in assenza di misure correttive urgenti saremo costretti a mettere in atto azioni protesta».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche