Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
coronavirus

Dal palazzo

Positiva al test

Coronavirus, primo caso in Sicilia: una turista di Bergamo in vacanza a Palermo

Risultata positiva  dopo essere stata ricoverata  all'ospedale Cervello per controlli in seguito a sintomi influenzali. Il governatore Musumeci: "Il campione esaminato al Policlinico Giaccone verrà immediatamente inviato allo Spallanzani per ulteriori verifiche".

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Coronavirus arriva in Sicilia: una turista di Bergamo in vacanza a Palermo è risultata, infatti, positiva  dopo essere stata ricoverata  all’ospedale Cervello per controlli in seguito a sintomi influenzali.

La conferma arriva dalla Regione Siciliana: «Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all’esame del tampone». Disposta la quarantena per il gruppo di amici della donna e per le persone che sono state a stretto contatto coi turisti, a quanto pare in vacanza a Palermo già da alcuni giorni.

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, afferma: “Si tratta di una donna di origine bergamasca presente in Sicilia con una comitiva e arrivata a Palermo prima dell’inizio dell’emergenza in Lombardia”.

«Il campione esaminato al Policlinico di Palermo- ha aggiunto il governatore- verrà immediatamente inviato allo Spallanzani per ulteriori verifiche. La signora, che è stata posta in isolamento al reparto di malattie infettive dell’ospedale Cervello, è pienamente cosciente e non presenta particolari condizioni di malessere. Ringrazio tutti gli operatori perché la macchina sanitaria regionale si è mossa con prontezza ed ha dimostrato di essere pienamente allertata. Al momento restano ferme tutte le disposizioni già impartite: comunicare immediatamente la presenza nell’Isola alle autorità sanitarie per quanti provengano dalle c.d. “Zone gialle” e richiedere l’intervento medico nel caso di sintomatologia influenzale, chiamando il numero unico a dell’emergenza e il proprio medico di famiglia».

La donna è arrivata a Palermo prima dell’inizio della emergenza in Lombardia. La procedura prevista dalle linee guida regionali, in conformità a quelle nazionali, ha consentito di determinare le seguenti azioni: è stato allertato il 118 e confinata la persona assieme al marito; quindi ripetuto due volte l’esame di laboratorio e, in conseguenza del risultato, sono stati confinati tutti coloro che hanno avuto contatti ravvicinati con la coppia, ai quali è stato nella notte prelevato un campione salivare mediante tampone faringeo.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, sottolinea: “La signora ha una temperatura di 37.4- 37.5 gradi, è in buone condizioni e cosciente, sta dando indicazioni sul percorso fatto nei sei giorni nei quali si è trovata in Sicilia”.

E aggiunge: “Per quanto riguarda l’eventuale chiusura di scuole, Università e Uffici attendiamo notizie da Roma. Laddove ci fosse un ritardo delle indicazioni da parte del governo nazionale si provvederà a un’ eventuale sospensione temporanea, ma dirlo adesso è prematuro”.

 

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati