Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Il cordoglio dell'Asp di Ragusa

Coronavirus, morto infermiere del pronto soccorso dell’ospedale “Giovanni Paolo II”

Ricoverato d'urgenza in terapia intensiva,  le sue condizioni sono apparse subito gravi. Il cordoglio dell'Asp di Ragusa.

Tempo di lettura: 1 minuto

RAGUSA. Ancora un decesso fra gli operatori dell’Asp di Ragusa, si tratta dell’infermiere Saverio Armenia in servizio al   Pronto Soccorso dell’ospedale “Giovanni Paolo II”.

Ricoverato d’urgenza in terapia intensiva,  le sue condizioni sono apparse subito gravi e hanno reso anche necessaria l’intubazione. Da allora, nonostante gli sforzi di tutti i colleghi, è rimasto sempre in condizioni critiche.

Un infermiere molto stimato dai colleghi e apprezzato dai pazienti. La sua scomparsa lascia un vuoto immenso non solo nell’Asp di Ragusa ma in tutta la comunità pozzallese.

La Direzione strategica si stringe al dolore di tutta la famiglia,  alla quale esprime le più sentite condoglianze, sottolineando che la scomparsa di Saverio Armenia è anche la rappresentazione del sacrificio e dell’impegno di tutti gli operatori della sanità che, dal primo momento di questa emergenza,  non si sono tirati indietro.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati