Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
ibla soccorritori 118 Ortigia precari livelli occupazionali cda seus snami seus contratto lettera ambulanza medicalizzata sottiletta affogata

Emergenza urgenza

La denuncia del sindacato

Coronavirus, la Ugl: «In Sicilia operatori del 118 esposti al rischio del contagio»

Il sindacato punta l'indice contro "le falle di un sistema di soccorso che non fa altro che esporre i dipendenti a diretto contatto con l'epidemia".

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «Un plauso agli eroici operatori della Seus 118 che affrontano con professionalità e passione la lotta al Covid-19, nonostante siano lasciati soli ed allo sbaraglio».

Lo scrivono Ugl sanità e Ugl medici Sicilia, denunciando “le falle di un sistema di soccorso che non fa altro che esporre i dipendenti a diretto contatto con l’epidemia ed a rischio contagio”.

“Raccogliamo segnalazioni, proteste, proposte e suggerimenti, da parte di autisti soccorritori, medici, infermieri e personale a vario titolo, che per prima cosa ci rappresenta uno stato d’animo inquieto dove la paura è il sentimento più moderato”, raccontano i segretario regionale della Ugl sanità Carmelo Urzì e della Ugl medici Raffaele Lanteri.

Ed aggiungono: “In questa difficile battaglia sono loro l’avamposto e le notizie che giungono non contribuiscono a rasserenare il clima che si sta vivendo all’interno della partecipata regionale. Ci riferiamo ai diversi operatori contagiati e ricoverati (uno di loro è intubato in rianimazione) ed ai numerosi che si trovano in isolamento fiduciario, alcuni di questi già controllati con l’esecuzione del tampone ed altri, anche appartenenti alla stessa squadra intervenuta su un caso Covid, in attesa da quasi due settimane di essere verificati”.

Dalla Ugl sottolineano: «La verifica di tutti gli operatori richiesta dall’Assessorato è iniziata a rilento, mentre nella maggior parte delle province, a nostra conoscenza, non è neanche partita. È assurdo che un esercito già così decimato e non ancora rimpolpato dalle auspicate assunzioni, debba fare i conti con l’arrivo a singhiozzo dei dispositivi di protezione individuale- con il caso limite in provincia di Palermo dove le ambulanze devono percorrere oltre 30 km per andare nel capoluogo a prendere la dotazione necessaria- nonchè con informazioni sui pazienti frammentarie che talvolta espongono i lavoratori ad un rischio non preventivato».

Urzì e Lanteri aggiungono: «A causa della drammatica situazione, le sanificazioni vengono effettuate rapidamente con i macchinari a disposizione che, ovviamente, andrebbero migliorati per ottenere interventi di pulizia efficaci, rapidi e sicuri. Chiediamo alla Seus di procedere velocemente con le nuove assunzioni e di incrementare le attività di sanificazione con macchinari di nuova concezione, che consentono di accelerare la fruibilità dei mezzi dopo un soccorso».

Infine, l’appello: «Ci rivolgiamo al presidente della Regione Nello Musumeci ed all’assessore Ruggero Razza, che hanno mostrato grande attenzione alle nostre precedenti richieste, affinchè sposino queste nostre rivendicazioni. I lavoratori del 118 con grande responsabilità continueranno a lavorare per il bene della collettività, ma desiderano farlo in sicurezza evitando di poter essere loro stessi il vettore del contagio».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati