Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
ibla soccorritori 118 Ortigia precari livelli occupazionali cda seus snami seus contratto lettera ambulanza medicalizzata sottiletta affogata

Emergenza urgenza

L'appello alla Regione

Coronavirus, la Fials: «Nelle ambulanze del 118 in esaurimento i dispositivi di sicurezza»

Il sindacato: "Il ministero dice che vanno indossati camici impermeabili e mascherine filtranti, mentre la Regione sembra aver abbassato l'alert scrivendo che per i casi sospetti bastano camice verde e mascherina chirurgica".

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Serve chiarezza sulle misure di sicurezza che devono rispettare gli equipaggi del 118. Il ministero dice che vanno indossati camici impermeabili e mascherine filtranti, mentre la Regione sembra aver abbassato l’alert scrivendo che per i casi sospetti bastano camice verde e mascherina chirurgica».

Lo affermano Sebastiano Motta e Carmelo Salamone della Fials 118 Sicilia, aggiungendo: «Molte ambulanze- stanno finendo le scorte dei dispositivi di sicurezza utilizzati nel caso esclusivo di caso di Coronavirus cioè quando ci sono più sintomi, e quando ci sono forti sospetti. In questi casi intervengono indossando la tuta bianca e la maschera idonea. Questi dispositivi iniziano a scarseggiare e sappiamo di intervento svolti senza questi importanti presidi. L’assessorato ha abbassato in un certo senso l’indice di pericolosità dicendo se c’è solo un caso sospetto possiamo indossare il camice verde e la maschera chirurgica».

Dal sindacato aggiungono: «Le linee guida a livello ministeriale sembrano contrastanti, perché si richiede il camice impermeabile, cioè la famosa tuta bianca, e le mascherine filtranti del tipo ffp3, e questo quando ci sono più sintomi chiari, come febbre, problemi respiratori e la certezza di contatti con gente di fuori o positiva. Per gli equipaggi delle ambulanze la Fials pretende il massimo della protezione, di fronte alla salute dei soccorritori non può essere un fatto di eccessi, e neanche la salute degli operatori può essere messa a repentaglio con giustificazioni di alcun tipo. Chiediamo maggiore attenzione da parte delle centrali operative 118 nella fase dell’intervista all’utenza, che precede il passaggio dell’intervento agli equipaggi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati