Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

E dei decessi

Coronavirus in Sicilia, la triste “top ten” dei Comuni con più casi

Il dato è stato reso noto da Ruggero Razza durante il suo intervento all'Ars:  "Finora la nostra regione è penultima in Italia per il tasso di mortalità relativo al rapporto di popolazione”, ha sottolineato l'assessore alla Salute.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. I primi dieci Comuni siciliani con più casi di Coronavirus? Finora sono Catania, Messina, Troina, Caltanissetta, Palermo, Villafrati, Mascalucia, Agira, San Cataldo e Salemi.

Il dato è stato reso noto da Ruggero Razza durante il suo intervento all’Ars:  «Ad oggi la nostra regione è penultima in Italia per il tasso di mortalità relativo al rapporto di popolazione», ha sottolineato l’assessore alla Salute, precisando che «i dati vanno interpretati con il massimo della cautela: in alcune aree del mondo dove il contagio era cominciato a scendere in modo significativo ha poi ripreso la crescita a causa di cali di tensione».

Razza ha ricordato che «ci troviamo di fronte a una infezione virale che ancora non ha un trattamento farmacologico e non ha un vaccino, quindi ci si muove per sperimentazioni. Relativamente ai casi positivi, ad oggi l’età media è 57 anni e si osserva in particolare una prevalenza di soggetti fra i 50 e 69 anni, che rappresentano il 40% del totale».

Relativamente ai pazienti deceduti per Coronavirus, il triste primato finora è detenuto dalle provincia di Catania, Messina e Palermo, a seguire le altre che si alternano da un massimo di 7 casi di decessi ad un minimo di 3.

L’età media dei pazienti morti in quanto positivi è di 77,5 anni e molti tra loro presentavano anche altre malattie, in particolare cardiovascolari, respiratorie croniche, renali e diabete mellito.

Infine, l’assessore ha ribadito: «Nonostante l’andamento del contagio sembri incoraggiare, mai come in questo momento ci sono tre date significative. Le festività pasquali, il ponte del 25 aprile e il primo maggio sono tre momenti in cui il possibile allentamento di tensione potrebbe comportare un venir meno di misure di avvicinamento sociale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati