Coronavirus, Fsi-Usae Sicilia: «Gli operatori sanitari abbiano un premio di 50 euro per turno»

5 Aprile 2020

La segreteria regionale del sindacato lancia un appello a Musumeci: "Relativamente al Finanziamento aggiuntivo per incentivi in favore del personale dipendente del Servizio sanitario nazionale, per la Sicilia sono stati stanziati 61.373.294 euro".

 

di

“Esprimiamo preoccupazione per quanto sta accadendo negli ospedali. Medici, infermieri, tecnici della riabilitazione, oss, autisti soccorritori del 118 assicurano un servizio di qualità e soprattutto senza il corrispettivo stipendiale dovuto dal governo perché non proporzionato all’elevata responsabilità e rischio di contagio”.

Lo dichiara Calogero Coniglio, Segretario Regionale della Fsi-Usae, aggiungendo: “Auspichiamo che il Presidente della Regione Nello Musumeci metta in cima alle sue priorità un’azione di sensibilizzazione verso il Parlamento Siciliano affinché vari subito un decreto per premiare gli operatori sanitari attraverso l’erogazione secondo quanto previsto dal Decreto-Legge 17/3/2020, n. 18, Art. 1, cioè il Finanziamento aggiuntivo per incentivi in favore del personale dipendente del Servizio sanitario nazionale. Per la Sicilia sono stati stanziati 61.373.294 euro”.

Coniglio sottolinea: “Tale provvedimento rappresenterebbe un riconoscimento nei confronti dei professionisti coinvolti in questa emergenza sanitaria e consentirebbe di eliminare una sperequazione di trattamento tra le diverse Unità Operative attualmente impegnate con livelli di rischio infettivo praticamente sovrapponibili”.

“Abbiamo proposto alla Regione di predisporre, a partire dal 31 gennaio, per ogni giorno di lavoro la corresponsione di un premio di solidarietà forfettario di 50 euro e 30 euro, a seconda della complessità assistenziale, come indennità “regionale” rischio Covid-19 a tutto il personale dipendente del SSR”.

“Assieme ai componenti della segreteria regionale, Renzo Spada, Salvatore Ballacchino Pier Paolo Di Marco, Maurizio Cirignotta e Salvatore Bracchitta, pertanto confidiamo nell’attenzione del Presidente Musumeci e in un positivo riscontro. Allo scopo di illustrare compiutamente i rischi e le necessità degli operatori sanitari, abbiamo chiesto infine di consentirci un confronto diretto quanto prima possibile”, conclude Coniglio.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV