Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Pubblicata la norma

Coronavirus, è ufficiale: bonus mensile di 1.000 euro agli operatori sanitari siciliani

Il provvedimento è tra quelli previsti nella Finanziaria regionale entrata in vigore con la pubblicazione nella Guri, avvenuta due giorni fa.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Ora è ufficiale: agli operatori sanitari siciliani impegnati nell’emergenza Coronavirus andrà un bonus di mille euro mensili.

Il provvedimento, infatti, è tra quelli previsti nella Finanziaria regionale entrata in vigore con la pubblicazione nella Guri, avvenuta due giorni fa.

Il comma 8 dell’articolo 5, infatti, stabilisce di destinare l’importo mensile di 1.000 euro (dal primo marzo 2020 fino al termine dell’emergenza) agli operatori sanitari di ruolo con afferenza Covid del SSR e di emergenza-urgenza, Seus/118, autisti-soccorritori, infermieri, medici e medici 118 Est sempre impegnati nell’emergenza Coronavirus.

La misura è riconosciuta agli operatori sanitari assunti a tempo indeterminato o determinato anche con forme flessibili, con l’esclusione di quelli reclutati in deroga mediante avvisi legati all’emergenza Covid-19.

Le modalità di erogazione del bonus saranno concertate tra assessorato regionale alla Salute e sindacati.

Inoltre l’assessore regionale alla Salute è autorizzato a prevedere la costituzione di forme assicurative aggiuntive il cui premio sarà a carico del sistema sanitario regionale.

Il bonus è stato voluto “per compensare i maggiori carico di lavoro” e per “sostenere ulteriormente l’azione di contrasto al contagio, in aggiunta al sistema premiante ordinario”.

IL COMMENTO DELLA UGL SICILIA

I segretari regionali delle federazioni Sanità e Medici Carmelo Urzì e Raffaele Lanteri, sottolineano:  «Medici, infermieri, operatori socio-sanitari, ausiliari ed altre figure, delle strutture sanitarie ed ospedaliere e anche della Seus 118, impegnate in questa fase straordinariamente critica per la nostra isola, meritavano un premio extra per ciò che hanno fatto e ciò che stanno ancora facendo con brillanti risultati».

«Auspichiamo di poterci sedere presto attorno ad un tavolo di concertazione con l’Assessorato, per definire tempi e modalità di erogazione della forma premiale. Siamo consapevoli – concludono Urzì, Lanteri – che un solo grazie e magari un’azione di tipo economico come questa, non sarà mai sufficiente per sottolineare il lavoro immane effettuato da questi operatori, ma siamo certi che aver trovato un tesoretto a garanzia di un minimo ristoro rappresenti comunque un atto importante e, per questo, non possiamo che ringraziare il Governo regionale e l’Ars che davanti il nostro suggerimento non hanno affatto esitato».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati