acireale palpeggiamento

Coronavirus, all’ospedale di Acireale curati con successo due pazienti

30 Marzo 2020

Dopo le terapie respirano autonomamente ed si valuta il trasferimento in un reparto di Malattie Infettive della provincia.

 

di

ACIREALE – Primi due pazienti, positivi al Covid-19, estubati all’UOC di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale “Santa Marta e Santa Venera”.

Si tratta di un uomo di 64 anni, di Catania, ricoverato in Terapia Intensiva dal 21 marzo scorso. E di un uomo di 86 anni, residente a Zafferana Etnea, in Terapia Intensiva dal 18 marzo.

Entrambi i pazienti respirano autonomamente ed si valuta il trasferimento in un reparto di Malattie Infettive della provincia.

Il primo paziente, di 64 anni, è stato trattato con la terapia che combina l’utilizzo di azitromicina e idrossiclorochina. Mentre per il secondo paziente è stata eseguita la terapia con tocilizumab.

«Abbiamo seguito due strategie terapeutiche, valutandone preventivamente l’appropriatezza per ciascun paziente – spiega il dr. Giuseppe Rapisarda, direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione -. I risultati sono positivi. Ringrazio i miei collaboratori per l’impegno e il lavoro di squadra».

La Direzione Aziendale dell’Asp di Catania esprime apprezzamento e gratitudine a tutti gli operatori per l’esemplare e encomiabile lavoro che li vede in prima linea in questa emergenza. In questo momento sono 4 i pazienti ricoverati in Terapia Intensiva, ad Acireale, positivi al Covid-19.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV