Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Presenti Musumeci e Razza

Coronavirus, al via l’Hub vaccinale di Ragusa nell’ex ospedale Civile

Inaugurata la struttura allestita dalla Protezione civile regionale. Un centinaio di operatori sanitari tra medici e infermieri, 24 postazioni e una previsione di 350 vaccinazioni al giorno.

Tempo di lettura: 3 minuti

RAGUSA. 24 postazioni, 800 mq di superficie, 10 giorni circa per realizzarla e una previsione di 350 vaccinazioni al giorno. Sono questi i numeri dell‘Hub vaccinale della provincia di Ragusa attivo da oggi realizzato all’interno dell’ex ospedale “Civile”, negli spazi un tempo ospitanti il reparto di medicina. Il sesto inaugurato in Sicilia dopo Palermo, Catania, Messina, Siracusa e Caltanissetta e che affiancherà gli altri punti di vaccinazione del territorio. Alla presentazione dell’hub, in cui già oggi sono partite le prime vaccinazioni alle persone in target, erano presenti anche il Presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore Regionale alla Salute Ruggero Razza.

Musumeci ha ringraziato il personale sanitario, i volontari e gli uomini della protezione civile il cui impegno quotidiano si traduce in una lotta concreta al virus. Il Governatore della Sicilia ha anche fornito delle rassicurazioni: «È questo l’impegno senza tregua del governo regionale e siamo convinti di dovere guardare al futuro con prospettiva e soltanto col vaccino possiamo immaginare la stagione della speranza. Tra nuove postazioni e un approvvigionamento costante delle dosi, il numero delle vaccinazioni è destinato ad incrementare».

Anche l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, evidenzia come la campagna vaccinale sia destinata a crescere nei volumi, dopo che la Sicilia ha recepito il Piano nazionale voluto dal Governo Draghi: «Ci attendiamo un numero significativo di dosi nei mesi di aprile e maggio per arrivare, verso l’estate, ad avere immunizzato un’ampia parte dei cittadini siciliani». Razza coglie l’occasione per chiarire quanto la vaccinazione sia fondamentale e che non occorre lasciarsi intimorire dai recenti fatti di cronaca: «Sono in corso verifiche, abbiamo affidato alla magistratura il compito di accertare eventuali connessioni tra i fatti accaduti e le somministrazioni, ma non dobbiamo demonizzare i vaccini. Ci sono degli organismi preposti a tutela e occorre aver fiducia».

L’hub provinciale di Ragusa è stato allestito dalla Protezione civile regionale nell’ambito dell’emergenza Coronavirus. «Massimo l’impegno degli uomini della protezione civile che hanno lavorato sodo nelle diverse province della nostra Isola affinché tutto questo potesse diventare una realtà», ha sottolineato il dirigente generale del dipartimento della Protezione Civile, Salvatore Cocina, che ha spiegato come l’hub ibleo faccia parte di un progetto più ampio della Regione il cui obiettivo è incrementare il numero di somministrazioni. «Un mese fa la Protezione Civile ha avuto mandato dal Presidente della Regione e dall’Assessore Razza di realizzare nove hub vaccinali per dotare la Sicilia di una maggiore capacità di vaccinazione», ha aggiunto l’ingegnere Cocina, evidenziando come «il progetto preveda 300 postazioni vaccinali in più per arrivare, disponibilità di dosi permettendo, a regime 30mila dosi giornaliere in più rispetto a quelle ordinaria».

L’hub, attivo anche la domenica, è stato allestito con 24 postazioni vaccinali, include una zona di accoglienza e registrazione, una sala di attesa e osservazione post inoculazione, servizi igienici e un’area dedicata al personale medico. A supporto degli utenti dell’hub, oltre al personale sanitario, ci saranno gruppo di volontari dell’Avo -Associazione di volontari ospedalieri- e due psicologi.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati