Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Policlinici

L'iniziativa

Coronavirus, al “Giaccone” gestione a distanza dei pazienti con malattie del sangue

I Medici curanti che seguono pazienti con sospetta malattia ematologica, potranno inviare gli esami tramite email o whatsapp agli ematologi del Policlinico Giaccone. L'obiettivo è evitare accessi in ospedale non sempre necessari e quindi ridurre i rischi di contagio.

Tempo di lettura: 2 minuti

Al fine di evitare accessi differibili presso le strutture ospedaliere, e con l’obiettivo di fornire una consulenza specialistica ai Medici di Medicina Generale, è stato attivato un percorso tra l’Ematologia del Policlinico di Palermo e i MMG di Palermo, Agrigento, Trapani e province per la gestione a distanza dei pazienti con malattie del sangue.

I Medici curanti che seguono pazienti con sospetta malattia ematologica, potranno inviare gli esami tramite email o whatsapp agli ematologi del Policlinico Giaccone.

Si tratta di pazienti che presentano valori anomali dell’emocromo, come ad esempio globuli rossi alti (eritrocitosi) o bassi (anemia), globuli bianchi alti (leucocitosi) o bassi (leucopenia), piastrine alte (piastrinosi) o basse (piastrinopenia), o alterazioni dei test della coagulazione (aPTT, PT/INR, fibrinogeno, D-dimero) o dell’elettroforesi proteica (tracciato elettroforetico con picco monoclonale) oppure pazienti con un ingrossamento di linfonodi o un aumento di volume della milza o che presentino masse mediastiniche o addominali oppure sintomi quali febbre resistente a terapia antibiotica, sudorazione notturna, perdita di peso, etc.

Tale servizio garantisce un corretto screening circa la necessità e la tempistica della visita ematologica ed evita accessi in ospedale non sempre necessari. Gli specialisti ematologi valutano la situazione e indirizzano i pazienti al percorso più appropriato.

«Tale iniziativa- sostiene il prof. Sergio Siragusa (nella foto), Direttore del reparto di Ematologia del Policlinico e Vice Presidente della Società Italiana di Ematologia- ottimizza la selezione dei pazienti ematologici evitando un accesso diretto in ospedale e quindi, ove questo non sia necessario, riduce i disagi per i pazienti e indirettamente contribuisce a contenere la diffusione del Covid-19. Rientra, inoltre, tra le indicazioni ministeriali volte a favorire la gestione da remoto dei pazienti».

«Si tratta certamente del primo esempio a livello nazionale in ambito ematologico- aggiunge con soddisfazione il dott. Luigi Galvano, Segretario regionale della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati