Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Il gesto simbolico

Contro il Coronavirus “Uniti si vince”: il tricolore illumina l’Ismett

Il gesto simbolico vuole testimoniare sostegno e riconoscimento a tutti coloro che hanno dato e continuano a dare il proprio contributo nella ricerca scientifica, unica arma concreta in questa lotta che coinvolge l’intera umanità.

Tempo di lettura: 2 minuti

La Rete di operatori inerenti al Settore Organizzativo PRO (Partner Rete Operativa), istituita a Palermo, in forma totalmente gratuita e coordinata da Vincenzo Montanelli, a sostegno delle Istituzioni impegnate a vario titolo nella lotta contro il Covid-19, con il plauso del Presidente della Regione Nello Musumeci, illuminerà con il Tricolore l’edificio dell’Istituto mediterraneo per i trapianti e terapie ad alta specializzazione (ISMETT) di Palermo (via Ernesto Tricomi, 1), fino al 27 aprile 2020 (dalle ore 20.00 alle ore 4.00).

Il gesto simbolico vuole testimoniare sostegno e riconoscimento a tutti coloro che hanno dato e continuano a dare il proprio contributo nella ricerca scientifica, unica arma concreta in questa lotta che coinvolge l’intera umanità.

L’unica speranza di riuscire a contenere, e dunque gestire, la pandemia generata dalla diffusione del Covid-19 risiede negli studi e nelle sperimentazioni che, da settimane, coinvolgono i principali centri deputati in tutto il mondo: tra questi risultati incoraggianti, in via di sviluppo, sono stati conquistati dalla University of Pittsburgh Medical Center (UPMC) che è anche socio fondatore in partnership con la Regione Siciliana dell’IRCCS ISMETT di Palermo.

Il gruppo di lavoro

“ISMETT e Ri.MED – sottolinea Angelo Luca, direttore di ISMETT – sono impegnati a sostenere la Regione Siciliana nell’affrontare l’emergenza COVID-19 sia sul fronte della cura che su quello della ricerca. La Fondazione Ri.MED in particolare ha destinato a ISMETT 1 milione di Euro da destinare a progetti di ricerca sul COVID 19”.

Il team di medici e scienziati di Pittsburgh, nelle scorse settimane, ha già scoperto un potenziale vaccino contro il SARS-CoV-2, il nuovo Coronavirus che è causa dell’attuale pandemia.

I primi test, molto promettenti, dello studio, il primo ad essere stato pubblicato in seguito a revisione da parte di scienziati di altri istituti, che dovrà affrontare le fasi successive di verifica, sono, dunque, motivo d’orgoglio per la Sicilia e per l’Italia intera.

UPCM, insieme alla Regione Siciliana, è stato fondamentale promotore del reperimento del materiale sanitario e medico giunto, in più riprese, nell’Isola a sostegno del personale medico e degli operatori dei diversi settori coinvolti nella lotta la Covid-19.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati