Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Assegni di 18.000 euro annui

Contributi ai disabili siciliani, pubblicato in Gurs il decreto di Crocetta: ecco modalità e tempi delle istanze

Previsti assegni di cura dall'importo di 18.000 euro annui.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Pubblicato nella Gurs di oggi (venerdì 26 maggio) il decreto, firmato il 10 maggio 2017 dal governatore Rosario Crocetta, che dispone  l’erogazione dell’assegno di cura di 18.000 euro l’anno per i disabili gravissimi siciliani.

Inoltre una circolare (leggi qui) specifica che il termine ultimo valido per la presentazione delle istanze è di giorni trenta dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del suddetto decreto (avvenuta appunto oggi).

Restano valide le istanze già presentate a far data dall’11 maggio 2017 (data di pubblicazione dell’avviso nel sito web della Presidenza), comunque esse siano state formulate, ivi comprese quelle compilate sui modelli elaborati dalle Asp, dai Comuni e dai distretti socio-sanitari.

In caso di carenza della documentazione sarà cura delle Asp richiedere le integrazioni necessarie.

Le nuove istanze, invece, dovranno essere presentate utilizzando lo schema tipo messo a disposizione dalle Asp. E dovranno essere inoltrate congiuntamente presso i Comuni e le Asp di appartenenza. L’intero procedimento di valutazione di ogni singola istanza dovrà definirsi entro novanta giorni dalla presentazione dell’istanza medesima.

A tutti i soggetti aventi diritto di cui all’articolo 2 del decreto sarà erogato, rispetto al fabbisogno annuo, un contributo pari a 1.500 euro mensili.

Le Asp e i competenti servizi sociali dei comuni effettueranno visite domiciliari in qualsiasi momento per verificare le condizioni di assistenza del disabile in relazione agli impegni sottoscritti con il Patto di cura e/o con il P.A.I., nonché il corretto utilizzo del contributo erogato.

Entro il 31 dicembre di ciascun anno i beneficiari dovranno inviare alle Asp la certificazione di esistenza in vita per consentire la prosecuzione dell’erogazione delle somme, mentre è fatto obbligo ai familiari e/o al legale rappresentante della persona disabile di comunicare alle Asp l’eventuale decesso del beneficiario.

Per leggere il decreto, clicca qui

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati