Contratto della Sanità privata, le reazioni dei sindacati all’annuncio di Razza

10 Settembre 2020

Commenti contrastanti dopo che l'assessore regionale alla Salute ha affermato che la Sicilia è la seconda Regione a firmare il rinnovo del contratto del personale Aiop/Aris.

 

di

PALERMO. Dopo l’annuncio di Ruggero Razza sull’accordo raggiunto in Sicilia per il rinnovo del contratto della Sanità privata, giungono le reazioni dei sindacati.

Secondo quanto concordato in sede di Conferenza Stato Regioni, una volta firmata la preintesa, come già avvenuto a livello nazionale, toccava appunto alle Regioni impegnarsi per determinare come dare effetto alla copertura del 50% dei maggiori costi dell’applicazione del nuovo tabellare indicando gli strumenti più idonei da concordare con Aiop nelle varie Regioni.

Ciò, appunto, è stato fatto in Sicilia nell’accordo di ieri, come sottolinea anche il presidente dell’Aiop Sicilia (clicca qui). L’iter, in ogni caso, si concluderà con la firma dell’intesa nazionale.

LA NOTA DELL’UGL SANITÀ

“Non ci risulta che in Sicilia sia stato firmato con i rappresentanti dei lavoratori alcun rinnovo di contratto Aiop- Aris”.  Lo afferma il segretario della federazione regionale Ugl sanità Carmelo Urzì (nella foto), commentando l’annuncio di ieri con cui l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, ha sostenuto che “la Sicilia è la seconda regione italiana che firma il rinnovo del contratto del personale Aiop/Aris”.

Il sindacalista ricorda che finora la trattativa a livello nazionale, dopo la pre-intesa, è rimasta al palo con tanto di giornate di sciopero e protesta già programmate per le prossime settimane.

“Quando vengono conclusi i contratti ed i rinnovi, solitamente, al tavolo di firma siedono le rappresentanze datoriali e quelle sindacali, ma in questo caso non mi risulta che i sindacati firmatari di contratto abbiano partecipato ad alcuna riunione. Non comprendiamo quale accordo abbia sottoscritto l’assessore, in che termini sia stato impostato e con quali risorse economiche”, evidenzia Urzì.

Poi aggiunge: «Di certo non si tratta dell’agognato rinnovo atteso dagli operatori della Sanità privata da ben 14 anni e lo diciamo per dovere di cronaca e di chiarezza, ma probabilmente di azioni di compensazione ed integrazione degli emolumenti. Per questo motivo, ci sarebbe piaciuto partecipare ad un momento di confronto, come giusto che sia e come dovrebbe e dovrà sempre essere ogni qual volta c’è di mezzo il tema dei diritti dei lavoratori”.

Urzì conclude: “Rimaniamo quindi in attesa di poter finalmente rinnovare- a livello nazionale e poi locale- il contratto collettivo Aiop – Aris, con conseguente stanziamento delle necessarie somme da parte della Regione siciliana, e ci auguriamo che quanto accaduto ieri sia soltanto frutto di un equivoco che l’assessore Razza avrà modo di chiarire con immediatezza, sgombrando il campo da notizie infondate e coinvolgendo le sigle sindacali”.

IL PLAUSO DI CONFINTESA SANITÀ SICILIA

Domenico Amato (Confintesa Sanità Sicilia)

“Tante volte siamo stati critici verso questo governo, ma quando vengono prese scelte coraggiose e giuste che garantiscono la dignità dei lavoratori della sanità privata siciliana non possiamo che applaudire il governo Musumeci, che ha reso la Sicilia la seconda regione italiana ad aver dato seguito alla pre intesa del rinnovo di giugno; i lavoratori del comparto sanità hanno dato tanto a questa terra, specialmente negli ultimi mesi segnati dalla drammatica emergenza CoVid-19, possiamo dire che almeno adesso uno dei tasselli volti a ripagare il loro impegno è stato messo, ora attendiamo gli altri. Naturalmente un plauso va fatto anche ad AIOP ed Aris, nelle persone del suo Presidente Nazionale Dr.ssa Barbara Cittadini e del suo Presidente Regionale in Sicilia Dr. Marco Ferlazzo, i quali hanno collaborato alla firma del CCNL in Sicilia”, così dichiara Domenico Amato, Segretario Regionale Confintesa Sanità Sicilia.

AGGIORNAMENTO

Le reazioni di Cgil, Cisl ed Uil

La nota dell’Aiop Sicilia

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV