Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
seus soccorritore

Emergenza urgenza

La nota del sindacato

Confintesa Sanità: «Solidarietà al soccorritore della Seus aggredito al Garibaldi»

L'intervento di Mario Manzo e Domenico Amato.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. «Manifestiamo la nostra piena solidarietà al collega autista-soccorritore della Seus aggredito con un pugno in faccia nell’esercizio delle sue funzioni presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Garibaldi di Catania».

Lo affermano il Segretario Confintesa Sanità Sicilia, Domenico Amato (a destra nella foto) e il Coordinatore Regionale Confintesa 118 Sicilia, Mario Manzo (a sinistra), aggiungendo: «Troppi sono stati gli episodi che in questi anni hanno visto coinvolti autisti soccorritori, infermieri e medici del 118 siciliano in aggressioni nei pronto soccorsi e per strada, durante gli interventi di emergenza urgenza. È un problema, quello della sicurezza del personale sanitario e non, operante sul territorio siciliano, siano essi operatori del 118 o delle guardie mediche, che Confintesa Sanità aveva già affrontato in passato, anche a mezzo stampa, ma ahimè ad oggi una soluzione non pare sia stata ancora trovata da chi di dovere».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati