Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
concorso anestesisti convocazione Aaroi Emac

Dal palazzo

In Sicilia

Concorso per anestesisti-rianimatori, entro il 3 settembre la scelta delle sedi di assegnazione

I 220 vincitori della selezione dovranno elencare in ordine di preferenza tutte le 18 disponibili, dalla prima in cui vorrebbero andare a lavorare all’ultima. Conterà la posizione che ognuno ha raggiunto in graduatoria.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. È stata pubblicata ad inizio agosto la graduatoria del concorso utile a reclutare anestesisti- rianimatori in Sicilia, coordinato dal Policlinico “Giaccone” di Palermo. A vincere la selezione sono stati in 220 di cui 115 già specializzati e 105 in formazione. Adesso, tutti loro hanno tempo fino al 3 settembre per esprimere le proprie scelte in merito alle sedi di destinazione.

Nello specifico, quindi, dovranno elencare in ordine di preferenza tutte le 18 sedi disponibili, dalla prima in cui vorrebbero andare a lavorare, all’ultima. Dopodiché, in base alla posizione che ognuno ha raggiunto in graduatoria avrà una corsia preferenziale per essere destinato all’azienda indicata come prima espressione della sua volontà. Per cui, un’anestesista che si è piazzato tra le prime posizioni in graduatoria, avrà maggiori possibilità di andare a lavorare nella prima azienda che ha scelto, e così via. Conclusa questa fase, nei giorni immediatamente successivi, sarà emessa la delibera con le destinazioni previste per ogni azienda sanitaria, le quali saranno comunque autonome nel reclutamento del personale.

La particolarità di questo concorso riguarda la procedura con cui è stato espletato, che non consente agli anestesisti di non esprimere una preferenza o di non accettare la destinazione assegnata perché non gradita, infatti questa graduatoria sarà valida per due anni e loro non avranno la possibilità di avere un altro contratto a tempo indeterminato in Sicilia, fino allo scadere della stessa. Proprio perché il concorso è stato gestito con una procedura centralizzata, le aziende sanitarie non hanno la possibilità di bandire delle selezioni indipendenti fino al 2023.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati