Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

La disposizione assessoriale

Commissari Covid in Sicilia, arriva la proroga di un mese

La scadenza del 31 marzo, coincidente con la fine dello stato di emergenza, è stata posticipata al 30 aprile ed è eventualmente suscettibile di ulteriore motivata proroga.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Gli incarichi dei tre commissari Covid siciliani sono stati prorogati di un mese. La scadenza del 31 marzo, coincidente con la fine dello stato di emergenza nazionale, è stata spostata in avanti fino al 30 aprile. Lo ha disposto una circolare dell’assessorato alla Salute guidato da Ruggero Razza, come conferma ad Insanitas Renato Costa (commissario Covid a Palermo): «Ho appena ricevuto questa comunicazione».

In base alla disposizione di Razza e Mario La Rocca gli incarichi commissariali, che riguardano anche Pino Liberti a Catania e Alberto Firenze a Messina, dopo questa ulteriore scadenza saranno suscettibili di «ulteriore motivata proroga».

La proroga è stata disposta “tenuto conto dell’andamento della curva epidemiologica e della percentuale di soggetti che hanno completato le dosi vaccinali”, con l’obiettivo appunto “di avvalersi ancora della collaborazione dei Commissari straordinari per l’emergenza Covid”. Proprio con la finalità di mantenere gli assetti organizzativi, operativi e logistici, infatti, il presidente della Regione, Nello Musumeci, aveva inviato al presidente del Consiglio dei Ministri ed al Capo del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile una richiesta di emissione di ordinanza.

«Preso atto del fatto che lo stato di emergenza terminerà il 31 marzo il governo nazionale ha contestualmente introdotto un compendio di disposizioni finalizzato a disciplinare la fase di “rientro nell’ordinario”- scrivono Razza e La Rocca nella determina assessoriale di cui ha avuto visione Insanitas.

Inoltre, aggiungono: «Ritenuto, altresì, che il medesimo decreto-legge n. 24 del 24 marzo 2022 disciplina, anche dopo la conclusione dello stato di emergenza, a titolo non esaustivo: il mantenimento delle aree sanitarie temporanee attivate dalle Regioni, la proroga delle Unità speciali di continuità assistenziale e dei contratti in favore di medici specializzandi, la raccolta dei dati per la sorveglianza integrata del SARS-CoV-2 e per il monitoraggio della situazione epidemiologica e delle condizioni di adeguatezza dei sistemi sanitari regionali, per non determinare soluzioni di continuità che arrechino nocumento alla ordinata gestione della delicata fase di rientro nell’ordinario conseguente alla formale cessazione dello stato di emergenza e nelle more del perfezionamento dell’interlocuzione avviata tra la Regione Siciliana e le strutture della Presidenza del Consiglio dei Ministri a vario titolo competenti per la disciplina del descritto momento di transizione, è necessario prorogare- allo stato, fino alla data del 30 aprile 2022– i provvedimenti di nomina dei Commissari ad acta operanti presso le tre Aziende sanitarie provinciali metropolitane».

I Commissari ad acta, ai fini dell’espletamento dell’incarico, potranno avvalersi di tutti gli uffici e del personale dell’Amministrazione regionale, centrale e periferica e di ogni altra amministrazione coinvolta, fermo restando la sede principale di assegnazione delle attività commissariali presso l’Azienda Sanitaria Provinciale di riferimento, nei termini ed alle condizioni previste nei pregressi Decreti Assessoriali.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche