Policlinici

I dettagli

Chirurgia urologica, al Policlinico di Messina l’ausilio della realtà aumentata

È quanto realizzato dal Prof. Vincenzo Ficarra in collaborazione con la sua équipe, per la rimozione di un tumore che invadeva interamente un rene.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. Ricostruire un rene malato con la realtà aumentata e utilizzare l’immagine in sala operatoria per rimuovere un tumore in modo netto e preciso. È quanto realizzato nei giorni scorsi dal prof. Vincenzo Ficarra, direttore dell’UOC di Urologia dell’AOU “G. Martino” di Messina, in collaborazione con la sua équipe, per la rimozione di un tumore che invadeva interamente un rene.

Grazie alle immagini acquisite dalla Tac è stato possibile riprodurre fedelmente l’organo malato in modo tridimensionale. Un processo eseguibile con la chirurgia robotica grazie a software specifici in grado di sovrapporre le immagini virtuali a quelle intraoperatorie riprese dalla telecamera robotica. Una tecnologia che ha l’effetto di un vero e proprio localizzatore, con cui il chirurgo può agire in modo mirato, rimuovendo solo il tumore e preservando la parte di rene sano.

Nella stessa giornata tale tecnica è stata utilizzata anche per un altro intervento su un paziente affetto da tumore alla prostata. In questo caso sono state sfruttate le immagini acquisite dalla risonanza magnetica e, anche in tale circostanza, la tecnologia è stata utilizzata per sviluppare tutte le potenzialità che essa porta con sé in termini di conservazione e preservazione dei nervi della potenza erettile.

«La chirurgia urologica è una chirurgia di precisione- spiega il Prof. Ficarra- e l’utilizzo di questa tecnica ci consente nell’ambito della chirurgia renale di ridurre il tempo di ischemia renale e i sanguinamenti, migliorando la preservazione della funzione renale. Nell’ambito della chirurgia prostatica i benefici per il paziente sono notevoli perché agendo in modo più conservativo riusciamo a tutelare quanto più possibile le strutture nervose interessate alla preservazione della potenza e della continenza. Quanto attuato nei giorni scorsi rappresenta un ulteriore tassello nel processo di sviluppo che, come clinica urologica dell’AOU, abbiamo avviato in questi anni con l’obiettivo di offrire ai pazienti un’offerta assistenziale caratterizzata da uno standard sempre più elevato ed efficace”.

«Oggi l’utilizzo delle nuove tecnologie in sanità- afferma il nuovo manager Giorgio Giulio Santonocito– costituisce un’opportunità straordinaria. Offrire trattamenti sanitari all’avanguardia significa anche dare la possibilità ai nostri pazienti di non spostarsi fuori regione per essere curati e ciò rappresenta un obiettivo fondamentale da perseguire».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche