Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
chirurgia pediatrica

Policlinici

Il riconoscimento

Chirurgia pediatrica, il Policlinico Giaccone di Palermo vince un premio per la migliore ricerca sperimentale

Il riconoscimento, grazie a una collaborazione multidisciplinare, è stato ottenuto durante il 48° Congresso della Società Italiana di Chirurgia Pediatrica.

Tempo di lettura: 2 minuti

Il gruppo di ricerca della chirurgia pediatrica del Policlinico universitario di Palermo, diretto dal prof. Marcello Cimador (nella foto) e coordinato dalla dott.ssa Cinzia Chiaramonte, è stato insignito del premio per la migliore ricerca sperimentale di base al 48° Congresso della Società Italiana di Chirurgia Pediatrica, svoltosi a Taormina.

La ricerca è stata realizzata con una collaborazione multidisciplinare che ha coinvolto il Laboratorio di Ricerca della prof.ssa Carla Giordano, il gruppo degli anatomo-patologi della prof.ssa Ada Florena, il gruppo ginecologico del prof. Renato Venezia e il gruppo della chirurgia pediatrica.

«La membrana amniotica– spiega il prof. Cimador- è sottile e riveste la superficie interna della placenta. In questa struttura sono state identificate cellule della linea staminale oltre a numerosi fattori antibatterici e antinfiammatori, fattori di crescita, citochine immunomodulanti. Noi abbiamo utilizzato il foglietto interno dell’amnios come scaffold biologico, una sorta di impalcatura per la creazione di sostituti tissutali. Sulla membrana sono state coltivate cellule eterologhe e i risultati ottenuti hanno mostrato che le cellule coltivate si sono sviluppate e hanno interagito con le cellule dell’epitelio amniotico: queste ultime al controllo istologico hanno assunto le caratteristiche di quelle seminate. Riteniamo pertanto che la membrana amniotica abbia caratteristiche tali da renderla adatta nel campo della ingegneria tissutale».

«Questo premio- aggiunge Cimador- è il riconoscimento del lavoro svolto da un team affiatato e motivato e dimostra che malgrado le esigue risorse stanziate per la ricerca si possono ottenere risultati anche significativi. Faccio appello all’Università, al Policlinico Giaccone, alle Istituzioni pubbliche e ai privati affinché si possano reperire fondi aggiuntivi per la prosecuzione di questa tematica di ricerca e il consolidamento dei risultati».

«Siamo grati al professor Marcello Cimador e a tutto il gruppo multidisciplinare- commenta Fabrizio De Nicola, commissario del Policlinico- per il prestigioso riconoscimento al lavoro compiuto in questi anni su un promettente filone di ricerca che potrà trovare impiego nel campo della medicina rigenerativa e ricostruttiva. L’assegnazione di questo premio è un’ulteriore conferma delle eccellenze presenti nella nostra struttura, ci riempie di orgoglio e ci spinge a continuare nel percorso di sinergia tra Università e Policlinico».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati