Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
renato costa commissario coronavirus

Dal palazzo

L'annuncio a Palermo

Certificati di fine quarantena, scenderanno in campo i medici di famiglia

La rivisitazione delle procedure è stata decisa nella riunione tenuta dal Commissario per l'emergenza Covid a Palermo, Renato Costa, alla presenza, tra gli altri, dei vertici dell'Asp e dei rappresentanti sindacali di categoria.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Un percorso condiviso di assistenza, cura e fine isolamento dei pazienti covid-positivi con il pieno coinvolgimento, in tutte le fasi del processo, di Asp, Ospedali e Medici di Medicina Generale.

La rivisitazione delle procedure, che consentirà tra l’altro di produrre con immediatezza i provvedimenti di fine quarantena, è stata decisa nella riunione tenuta stamattina dal Commissario per l’emergenza Covid a Palermo, Renato Costa, alla presenza, tra gli altri, dei vertici dell’Azienda sanitaria provinciale del capoluogo e dei rappresentanti sindacali dei Medici di medicina generale.

«Dopo avere messo a fuoco con le Usca le priorità di un lavoro che deve essere interamente dedicato all’assistenza domiciliare dei pazienti covid-positivi- ha spiegato Costa- abbiamo incontrato i rappresenti dei Medici di Medicina Generale con i quali si è convenuto come sia necessario creare un processo osmotico di informazioni del paziente che vada, dalla diagnosi della malattia fino alle eventuali dimissioni ospedaliere, all’assistenza domiciliare ed al provvedimento di fine quarantena. Abbiamo individuato quelle criticità, ma soprattutto abbiamo individuato le soluzioni che possano consentire di trovare un sistema più snello in grado di dare risposte celeri e certe alle legittime richieste della gente».

«Un sistema- ha concluso Costa- che consentirà, anche, di alleggerire il già pesante lavoro del Dipartimento di Prevenzione, in particolare per il provvedimento di fine quarantena, la cui celerità di produzione da parte del Sistema sanitario diventa fondamentale, tra l’altro, per la ripresa dell’attività lavorativa del cittadino. Stiamo, inoltre, mettendo a regime, sia in città che in provincia, anche un sistema di notifica dell’esito dei tamponi molecolari attraverso la messaggistica telefonica in grado di raggiungere in tempo reale il paziente che si trova in isolamento domiciliare».

AGGIORNAMENTO

I medici di famiglia chiedono un’ordinanza di Musumeci per essere autorizzati a rilasciare i certificati di fine isolamento: leggi qui

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati