ASP e Ospedali

La sentenza del Tribunale

Caso di malasanità: Civico e Villa Sofia-Cervello condannati a maxi-risarcimento

In base a una sentenza del Tribunale dovranno versare a un ex paziente in tutto ben 187.535 euro. Sotto accusa "negligenza e imprudenza" che avrebbero causato un'infezione periprotesica.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. Due aziende ospedaliere palermitane sono state condannate in solido per lo stesso caso di malasanità. L’Arnas Civico e Villa Sofia-Cervello, infatti, dovranno risarcire i danni  a un paziente che ha riportato un’infezione periprotesica.

In tutto ben 187.535 euro, oltre gli interessi e le spese legali (per un totale di oltre 200 mila euro), così come ha stabilito il Tribunale di Palermo, con sentenza dell’8 luglio 2020.

La vicenda è ricostruita in una delibera con cui l’Arnas Civico dispone di dare immediata esecutività alla sentenza con il pagamento della propria quota, ricordando che la consulenza medica depositata durante la controversia ha accertato l’esistenza di un nesso di casualità tra i postumi presentati dal paziente e la condotta posta in essere dal personale dei due nosocomi.

Condotte, appunto, che sarebbero state all’insegna di “negligenza e imprudenza” in merito all’infezione periprotesica.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.