Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Arriva la smentita

Il caso di Castelvetrano, la replica: «Il paziente non era stato dimesso, è morto in ospedale»

Arriva la smentita sul caso di presunta malasanità che ha determinato 20 avvisi di garanzia a medici ed infermieri del Vittorio Emanuele II.

Tempo di lettura: 2 minuti

La direzione strategica aziendale dell’ASP di Trapani dopo il decesso del paziente T.G., di 49 anni, all’ospedale di Castelvetrano, ha chiesto una relazione sull’evento al primario del reparto di chirurgia e accettazione d’urgenza del nosocomio, Domenico Ferrara, dalla quale si evince che il paziente non è stato dimesso dal pronto soccorso ed è tornato a casa, ma è stato ricoverato al reparto di medicina, dove è deceduto due giorni dopo.

Viene così smentita la ricostruzione dei fatti contenuta nella denuncia dei familiari su un presunto caso di malasanità, che ha portato a ben venti avvisi di garanzia per omicidio colposo (leggi precedente articolo).

Secondo la relazione di servizio, il paziente era stato visitato presso il pronto soccorso già il 23 e 24 dicembre 2016. Dopo 38 giorni, l’1 febbraio 2017 si è recato al P.S. del Vittorio Emanuele di Castelvetrano, e dimesso con la diagnosi “febbre”. È tornato il 5 febbraio scorso alle 14, 58, e dopo una permanenza in P. S. in osservazione per circa 30 ore, è stato ricoverato in medicina il giorno 7 febbraio alle ore 02.57 con la diagnosi “addensamenti polmonari bilaterali”.

Durante il ricovero sono state eseguite altre consulenze ed esami diagnostici. Il decesso è avvenuto nel reparto di medicina il 9 febbraio alle 01.45 per “arresto cardiorespiratorio in paziente con broncopolmonite bilaterale e insufficienza respiratoria”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati